Cronaca Poggiofranco / Via Giulio Petroni

Carrassi, omicidio tra la gente: Christian Midio ucciso a colpi di pistola in via Giulio Petroni

L'agguato intorno alle 19.30, in una zona molto frequentata e piena di negozi. Il 21enne è stato raggiunto da tre colpi. Soccorso da alcuni passanti, è morto poco dopo il suo arrivo al Policlinico

Freddato con tre colpi di una calibro 45 mentre si trovava in strada, al quartiere Carrassi. E' stato ucciso così martedì sera Christian Midio, 21 anni, di Carbonara. L'agguato è avvenuto in via Pellegrino, all'incrocio con via Giulio Petroni, intorno alle 19.30, quando i numerosi negozi della zona erano ancora aperti e la zona era ancora molto frequentata.

L'AGGUATO - Secondo una prima ricostruzione dell'accaduto, Midio aveva da poco parcheggiato il suo scooter, quando sarebbe stato avvicinato dai sicari, probabilmente giunti a bordo di una moto. Il giovane, dopo essere stato colpito, ha cercato rifugio in una tabaccheria vicina, accasciandosi poi sull'uscio. I colpi lo hanno raggiunto al torace e ad un braccio, mentre un altro proiettile si è conficcato nella vetrina di un negozio di abbigliamento.

LE INDAGINI - Il giovane è stato soccorso da alcuni passanti, e trasportato al Policlinico, dove è morto poco dopo. Inutile il tentativo dei medici di salvargli la vita, sottoponendolo ad un intervento chirurgico. Al momento, pare che nessuno, nella zona, si sia accorto di nulla. Alcuni negozianti hanno riferito di aver scambiato, in un primo momento, il rumore dei colpi per dei petardi. Sull'omicidio indagano gli uomini della Squadra Mobile, che in queste ore hanno ascoltato la famiglia della vittima  e stanno acquisendo i filmati delle telecamere di videosorveglianza pubblica e privata della zona. Chi ha sparato, di certo, aveva il preciso intento di uccidere, come dimostrano l'arma pesante utilizzata e il fatto che i killer abbiano mirato alla parte alta del corpo.

LA VITTIMA - Midio aveva precedenti per rapina e spaccio. A fine ottobre era stato arrestato per spaccio dai carabinieri, ma era tornato in libertà alcuni giorni fa.  Gli investigatori, comunque, lo considerano un personaggio di 'basso calibro' nell'ambiente della criminalità locale. Una delle ipotesi è che possa essersi trattato di un regolamento di conti legato alle attività illecite del giovane.

Quello di Midio è il secondo omicidio a Bari nel giro di una settimana. Negli stessi minuti in cui a Carrassi si sparava, in centro sfilava la fiaccolata per ricordare e chiedere giustizia per Beppe Sciannimanico, l'agente immmobiliare di 28 anni ucciso lo scorso 26 ottobre a Japigia, in un agguato che resta ancora senza un perché.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carrassi, omicidio tra la gente: Christian Midio ucciso a colpi di pistola in via Giulio Petroni

BariToday è in caricamento