Cronaca San Girolamo - Fesca

Agguato mortale a San Girolamo, Gaetano Petrone ucciso con cinque colpi di pistola

L'uomo, 43 anni, incensurato, autista dell'Amtab, era alla guida della sua auto. I killer lo hanno affiancato con uno scooter sparando cinque colpi, uno dei quali alla testa

Freddato a colpi di pistola mentre si trovava alla guida della sua auto, a pochi metri dalla sua abitazione. E' stato ucciso così, domenica sera al quartiere San Girolamo, il 43enne Gaetano Petrone, incensurato, autista dell'Amtab.

LA DINAMICA DELL'AGGUATO -  Petrone si trovava a bordo della sua Hyundai Matrix, quando sarebbe stato raggiunto da un suv che gli ha sbarrato la strada. Poi sarebbero arrivati i killer, a bordo di uno scooter, che gli hanno esploso contro cinque colpi di pistola, uno dei quali lo ha raggiunto alla testa. Un omicidio le cui modalità lasciano pensare ad una vera e propria esecuzione. Ma a fare chiarezza sul movente saranno gli investigatori della Squadra Mobile di Bari.

NUOVA GUERRA DI MALA - L'omicidio di Petrone arriva dopo una lunga scia di episodi criminosi: sei sparatorie in dieci giorni e il ferimento di due pregiudicati al quartiere San Girolamo e al Libertà. Una situazione che ha spinto gli investigatori a parlare di una nuova guerra tra clan, volta a ridisegnare la "geografia criminale" della città.

 

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agguato mortale a San Girolamo, Gaetano Petrone ucciso con cinque colpi di pistola

BariToday è in caricamento