Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Ucciso per errore fuori dalla discoteca: il killer condannato a 16 anni

Giuseppe Di Terlizzi fu ucciso ad aprile 2011 fuori dalla discoteca H25. Il presunto responsabile, Cosimo Magaletti, è stato condannato con rito abbreviato a 16 anni e 4 mesi. Secondo le indagini, l'obiettivo sarebbe stato un altro giovane, presunto affiliato al clan Mercante

E' stato condannato a 16 anni e 4 mesi di reclusione Cosimo Magaletti, il 38enne accusato dell'omicidio di Giuseppe Di Terlizzi, il 33enne ucciso per errore la notte del 10 aprile 2011 fuori dalla discoteca barese H25.

La sentenza è stata emessa dal gup Antonio Diella nell'ambito di un processo con rito abbreviato. Magaletti è stato condannato anche al risarcimento, da quantificarsi in sede civile, delle parti civili, ovvero i familiari della vittima e il Comune di Bari.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, Giuseppe fu colpito per errore alla testa da un proiettile, nel corso di una lite, poi degenerata in sparatoria, tra due gruppi di giovani armati e ritenuti vicini ad un clan locale. 'Bersaglio' di quel colpo che raggiunse Giuseppe sarebbe stato dunque un altro giovane, ritenuto vicino al clan Mercante.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ucciso per errore fuori dalla discoteca: il killer condannato a 16 anni

BariToday è in caricamento