Omicidio Mizzi: rito abbreviato per i presunti killer, il Comune parte civile

Oggi la ripresa del processo per l'omicidio del 39enne, ucciso due anni fa a Carbonara per un tragico scambio di persona. Il processo con rito abbreviato comincerà il 5 marzo

Comincerà il prossimo 5 marzo il processo con rito abbreviato per i due presunti killer di Giuseppe Mizzi, il 39enne ucciso a Carbonara la sera del 16 marzo 2011. Nel processo si sono costituiti parti civili i familiari della vittima, madre, padre, tre fratelli e moglie, e il Comune di Bari.

Giuseppe rimase vittima di un agguato mafioso per un tragico scambio di persona. I killer lo freddarono con 6 colpi di pistola mentre rincasava, scambiandolo per un malvivente che avrebbero dovuto uccidere per vendicare il ferimento del pregiudicato Antonio Battista, cognato del boss Di Cosola, avvenuto il giorno precedente sempre a Carbonara.

LE INDAGINI E GLI ARRESTI - Per l'uccisione di Giuseppe sono imputati il 34enne Emanuele Fiorentino e il 33enne Edoardo Bove, che oggi hanno chiesto il rito alternativo nell'udienza preliminare davanti al gup del Tribunale di Bari Antonio Diella. I due furono arrestati dai carabinieri a febbraio dell'anno scorso. A incastrare i due presunti assassini, la cella telefonica a cui si è agganciato il telefonino di Bove la sera dell'omicidio, lo stub a cui fu sottoposto Fiorentino poche ore dopo l'agguato e le immagini delle telecamere dell'impianto di videosorveglianza sistemate all'esterno dell'abitazione di Fiorentino, che lo immortalano insieme a Bove. Fiorentino e Bove sono anche accusati del tentativo di omicidio di una passante, rimasta ferita di striscio a una gamba durante l'agguato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL RICORDO DI LIBERA BARI - Il prossimo 13 marzo l'associazione Libera Bari ha organizzato una manifestazione a Carbonara per ricordare Giuseppe. Sul luogo dell'agguato in via Venezia, a pochi passi dalla piazza principale del quartiere, verrà affissa una targa commemorativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tre 'mini zone rosse' a Bari vecchia, nell'Umbertino e a Poggiofranco: "No alla movida, controlli già da stasera"

  • Nuova stretta anticovid, entro domenica un altro Dpcm? Stop alle 22 per i ristoranti, no ai centri commerciali nel weekend

  • Stop a palestre, cinema, teatri e piscine, ristoranti chiusi alle 18: il nuovo dpcm in arrivo già in serata?

  • 'Caffè' al banco vietato dalle 18 dopo il nuovo Dpcm, la prima multa a Bari è per un bar del centro

  • Da lunedì stop alla didattica in presenza per gli ultimi 3 anni delle superiori, Emiliano: "Rallentiamo i contagi covid"

  • Incidente mortale nella notte a Japigia: 20enne sbalzato dalla moto muore sul colpo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento