menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una delle manifestazioni per chiedere

Una delle manifestazioni per chiedere

Omicidio Mizzi, la moglie in Tribunale: "Ho voluto guardare negli occhi gli assassini"

Questa mattina la sentenza di condanna per i due presunti sicari del 39enne di Carbonara, ucciso per errore in un agguato mafioso nel marzo 2011

"Mio marito non è riuscito a guardargli negli occhi ma oggi li ho voluti guardare io". Sono state queste le parole di Katia Patrono, moglie del 39enne di Carbonara Giuseppe Mizzi, dopo la lettura della sentenza del processo con rito abbreviato che ha condannato a 13 e 20 di reclusione i presunti sicari del marito.

Per la prima volta Katia, di 39 anni, mamma di due figli di 16 e 7 anni, ha partecipato al processo per l'omicidio di suo marito. A dare sostegno alla famiglia, all'esterno dell'aula, Pinuccio Fazio, papà del 15enne Michele ucciso per errore nella città vecchia di Bari il 12 luglio del 2001, e alcuni rappresentanti di Libera Bari con il referente regionale Alessandro Cobianchi. Alle parti civili, il Comune, la moglie, i due figli, i genitori e i tre fratelli di Giuseppe Mizzi, il giudice ha riconosciuto il risarcimento danni da quantificarsi in un sede civile.

"Ho parlato al telefono con la moglie e con la mamma di Giuseppe Mizzi.- ha commentato il sindaco Michele Emiliano - Due donne straordinarie come tutta la loro famiglia. In questi anni hanno lottato strenuamente perché Giuseppe non venisse ammazzato una seconda volta dal mancato accertamento della verità. La sentenza di oggi, che pur non può lenire un dolore così grande, serve alla famiglia di Giuseppe e a tutti i baresi per rinnovare la fiducia nella giustizia e per chiarire ancora una volta che chi imbocca la strada della criminalità organizzata pagherà per la scelta fatta. L’Amministrazione Comunale, costituendosi parte civile, è stata accanto alla famiglia Mizzi anche nelle fasi del processo e continuerà sempre ad essere presente. I familiari delle vittime innocenti delle mafie non vanno mai lasciati soli e, così come abbiamo fatto durante questi anni di Amministrazione insieme a Libera, mi auguro che anche in futuro la Città di Bari continui ad essere al fianco dei suoi concittadini contro tutte le mafie".  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Attico di lusso nel cuore di Bari: un sogno a due passi dal mare dove il fascino dell'antico si sposa all'eleganza del moderno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento