Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

Uccise compagno dell'ex moglie, disposta perizia psichiatrica: "Agì per assecondare la donna"

Il caso del 28enne di Toritto Stefano Melillo, ucciso e gettato in un pozzo a Binetto nel giugno 2016: imputato è il 40enne Crescenzio Burdi, ex marito della compagna di Melillo che avrebbe istigato il delitto

Avrebbe agito "prestandosi al gioco" dell'ex moglie, uccidendo il rivale in amore con l'intento di tornare con la donna. E' quanto emerge dalla perizia psichiatrica cui è stato sottoposto il 40enne Crescenzio Burdi, a processo per l'omicidio del 28enne di Toritto Stefano Melillo, ucciso e gettato in un pozzo a Binetto nel giugno 2016.

Dalla perizia, chiesta dalla difesa ed effettuata dallo psicopatologo forense Roberto Catanesi, l'imputato è risultato capace di intendere e volere, ma il suo presunto coinvolgimento nel delitto sarebbe riconducibile alla sua dipendenza dalla donna, la 29enne Addolarata Cuzzi, compagna della vittima e ex moglie dell’assassino.

La Cuzzi, secondo le indagini dei carabinieri, per porre fine alla relazione con Melillo, avrebbe convinto il marito ad ucciderlo. La donna è imputata per concorso morale nell'omicidio, mentre Burdi risponde di omicidio premeditato e occultamento di cadavere.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccise compagno dell'ex moglie, disposta perizia psichiatrica: "Agì per assecondare la donna"

BariToday è in caricamento