rotate-mobile
Cronaca

Processo Meredith, condannati Amanda e Raffaele

Sentenza ribaltata nel processo di appello bis che si è celebrato a Firenze: condanna a 25 anni con divieto di espatrio per Sollecito, 28 anni per Amanda Knox

28 anni per Amanda Knox, 25 per Raffaele Sollecito. La sentenza del processo d'appello bis per la morte di Meredith Kercher, la studentessa inglese uccisa a Perugia la notte fra il primo e il due novembre del 2007, è arrivata ieri sera intorno alle 22, a seguito di dodici ore di camera di consiglio.

Per Sollecito è stato disposto il divieto di espatrio, nessuna misura cautelare per Amanda. I due imputati non erano presenti in aula, a Firenze. Amanda Knox si trova a Seattle, mentre Raffaele Sollecito aveva lasciato il Palazzo di Giustizia in mattinata.

E' la quarta sentenza in sette anni: in primo grado, a Perugia, Amanda venne condannata a 26 anni e Raffaele a 25. In appello vennero assolti. La Cassazione ha poi annullato quella seconda sentenza ordinando un nuovo appello, quello che si è chiuso oggi a Firenze (qui tutte le tappe del processo). Per il delitto sta invece scontando una condanna definitiva a 16 anni l'ivoriano Ruby Guede.

Il sostituto procuratore generale di Firenze Alessandro Crini aveva chiesto condanne a 30 per la Knox (compresi i tre già definitivi per la calunnia a Patrick Lumumba) e a 26 per Raffaele.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo Meredith, condannati Amanda e Raffaele

BariToday è in caricamento