Ucciso per errore, due arresti per l'omicidio Mizzi a Carbonara

A quasi un anno dalla morte del 39enne, freddato a colpi di pistola il 16 marzo 2011 nei pressi della piazza principale dell'ex frazione, i carabinieri hanno arrestato due trentenni. Mizzi sarebbe stato ucciso per un tragico scambio di persona

E' un passo importante verso quella verità da sempre invocata dai parenti di Giuseppe Mizzi, il 39enne di Carbonara freddato a colpi di pistola quasi un anno fa, il 16 marzo 2011, mentre rincasava nella sua abitazione, a poca distanza dalla piazza principale dell'ex frazione.

Per la morte di Giuseppe i carabinieri hanno arrestato oggi all'alba due persone. Si tratta del 33enne Emanuele Fiorentino, già detenuto per altra causa, e Edoardo Bove, di 32 anni. Ad incastrare i due presunti killer, la cella telefonica a cui si é agganciato il telefonino di Bove la sera dell'omicidio, lo stub a cui fu sottoposto Fiorentino poche ore dopo l'agguato, e soprattutto le immagini delle telecamere dell'impianto di videosorveglianza sistemate all'esterno dell'abitazione di quest'ultimo. Immagini che mostrano Fiorentino mentre entra nella Panda di Bove per tornare a casa, prova che i due avrebbero agito insieme quella sera. Il resto dell'indagine poggia sulla concatenazione di 17 indizi che hanno portato agli arresti. Oltre al brutale omicidio di Mizzi, inseguito e freddato con 6 colpi di pistola sparati da una distanza ravvicinata, i due arrestati sono accusati del tentato omicidio di una passante, rimasta ferita di striscio ad una gamba durante l'agguato.

Come sostenuto sin dal primo momento dai parenti della vittima, anche secondo gli inquirenti sarebbe ormai evidente che Giuseppe sia stato ucciso per sbaglio. Ammazzato  al posto di qualcun altro per un tragico scambio di persona. Qualcuno che avrebbe dovuto essere ucciso, ipotizzano gli investigatori, per vendicare il ferimento del 41enne Omicidio Giuseppe Mizzi a Carbonara: arrestati i killer
Carbonara: omicidio Mizzi del 16 marzo in via Venezia, indagati Battista e Fiorenti pregiudicato Antonio Battista


Potrebbe interessarti: https://www.baritoday.it/cronaca/carbonara-omicidio-giuseppe-mizzi-arrestati-killer.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/BariToday/211622545530190
, cognato del boss Di Cosola, avvenuto il giorno precedente sempre a Carbonara.

La vicenda, scrive il gip nel provvedimento di arresto, è "gravissima, turpe e apre uno spaccato sulla città di Bari in balia delle gesta della criminalità locale". Secondo il procuratore di Bari Antonio Laudati, l'episodio dimostra che "la 'seconda generazione' di criminali non è così professionale come ci si aspetta dalla criminalità organizzata perché spara all'impazzata" e ciò è "un sintomo di pericolosità enorme".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia 'promossa' da domenica? Dati Covid in miglioramento, si va verso la zona gialla

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • Nuovo Dpcm: verso lo stop a spostamenti dai Comuni per Natale e Capodanno, dal 21 viaggi tra regioni solo per rientro nella propria residenza

  • L'indice Rt scende sotto l'1 in Puglia e Lopalco risponde ai medici: "Non siamo regione da zona rossa"

  • Scontro tra auto e bici sulla Statale 16 a Torre a Mare: muore ciclista 31enne

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

Torna su
BariToday è in caricamento