Cronaca

Omicidio Lorusso a San Girolamo, due condanne all'ergastolo per esponenti del clan Strisciuglio

Sentenza della Corte d'Assise di Bari. Il delitto avvenne l'11 gennaio del 2015 nelle vicinanze della pineta di San Francesco: la vittima venne freddata a colpi di kalashnikov

Il luogo dell'agguato, nelle vicinanze della Pineta di san Francesco

La Corte d'Assise di Bari ha condannato all'ergastolo Leonardo Campanale, esponente di spicco del clan 'Strisciuglio' e il suo sodale Gianfranco Caputi, ritenuti responsabili dell'omicidio di Nicola Lorusso, detto 'U Ciucc', freddato a colpi di pistola l'11 gennaio del 2015 in via Van Westerhout a San Girolamo. Il delitto avvenne alle 9.30 di una domenica mattina, vicino alla pineta di San Francesco dove erano presenti numerose donne con bambini. Campanale e Caputi, secondo gli inquirenti, decisero di uccidere Lorusso per vendicare la morte di Felice Campanale, padre di Leonardo, nell'ambito di una faida che per anni aveva visto contrapposizioni per il controllo degli affari criminali a San Girolamo.

La ricostruzione dell'omicidio

I due, in base a una ricostruzione degli inquirenti, avevano atteso l'uscita di Lorusso dalla sua abitazione e quindi, dopo aver bloccato la vettura su cui viaggiava in compagnia della moglie, gli esplosero contro diversi colpi d'arma da fuoco con un Ak 47 kalashnikov. A sparare, per gli investigatori, fu Leonardo Campanale. Caputi, invece, avrebbe condottii la Mercedes Classe B dai due utilizzata per commettere l'omicidio, risultata rubata.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Lorusso a San Girolamo, due condanne all'ergastolo per esponenti del clan Strisciuglio

BariToday è in caricamento