Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Omicidio Labriola, la Procura apre una nuova inchiesta

A far partire le indagini, tese ad accertare eventuali responsabilità della Asl, un esposto presentato dal marito della vittima, Paola Labriola, la psischiatra uccisa con 70 coltellate da un paziente, mentre era in servizio nel Centro di salute mentale del quartiere Libertà

La Procura continua ad indagare sulla morte di Paola Labriola, la psichiatria uccisa da un paziente il 4 settembre 2013: l'omicidio avvenne nell'ambulatorio del Centro di salute mentale in cui la dottoressa Labriola lavorava. La nuova indagine, volta ad accertare le eventuali responsabilità della Asl, è stata avviata in seguito ad un esposto presentato dal marito della vittima.

La magistratura dovrà accertare se chi all'epoca era responsabile della sicurezza abbia commesso qualche negligenza, concorrendo così nel delitto.

L'omicida, Vincenzo Poliseno, è stato condannato in primo grado a 30 anni di reclusione dopo un processo con rito abbreviato.
  

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Labriola, la Procura apre una nuova inchiesta

BariToday è in caricamento