menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il luogo del ritrovamento di Desiante - Foto  nell'articolo M. Argnani/RavennaToday

Il luogo del ritrovamento di Desiante - Foto nell'articolo M. Argnani/RavennaToday

Pizzaiolo gravinese ucciso nel Ravennate: al via il processo per l'omicidio di Rocco Desiante

Il 43enne di origini pugliesi fu trovato morto nell'ottobre 2018 in un appartamento di Castiglione di Cervia: il decesso in seguito ad un violento pestaggio. Imputato un 20enne romeno

Ad ottobre del 2018, fu trovato morto in un lago di sangue in un appartamento di Castiglione di Cervia, nel Ravennate. Ha preso il via questa mattina il processo per l'omicidio di Rocco Desiante, 43enne originario di Gravina ucciso un anno fa. 

L'omicidio e il ritrovamento

Il corpo senza vita di Desiante fu ritrovato dopo qualche giorno da alcuni amici che non avevano più sue notizie: un omicidio efferato che aveva subito fatto pensare a un regolamento di conti. A processo per l'omicidio di Desiante c'è il 20enne romeno Madalin Palade Constantin, fermato alcuni giorni dopo il ritrovamento del 43enne. Come riporta RavennaToday, questa mattina i teste chiamati dal Pubblico ministero hanno ricostruito le ultime ore della vittima e i luoghi che Desiante era solito frequentare. 

argnani-2

L'autopsia: decesso causato da lesioni ed emorragia

La morte di Desiante sarebbe stata causata da una grossa quantità di lesioni molto importanti: il 43enne aveva il cranio fratturato, cosa che ha provocato un'emorragia massiva che a sua volta ha causato un'insufficienza respiratoria e un grosso calo di pressione, che ha portato alla morte dell'uomo in un tempo non inferiore alle due ore. L'uomo, dunque, avrebbe patito a lungo prima di morire. Il pizzaiolo è stato trovato in un lago di sangue, e sangue in grosse quantità era presente anche sulle pareti dell'appartamento. L'esito dell'autopsia aveva invece escluso l'utilizzo di armi da fuoco durante l'omicidio, come ipotizzato in un primo momento: il taglio sotto all'orecchio sarebbe stato causato da colpi sferrati con violenza con un corpo contundente, non ritrovato sul luogo del delitto.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Attico di lusso nel cuore di Bari: un sogno a due passi dal mare dove il fascino dell'antico si sposa all'eleganza del moderno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento