Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

Uccisero 34enne per errore a Triggiano: confermata la condanna a 17 anni per padre e figlio

Tommaso e Nicola Appio erano imputati per l'omicidio volontario di Giovanni Sblendorio, ucciso per uno scambio di persona nel maggio 2015. La corte di Assise di Appello ha confermato la pena

E' stata confermata dalla Corte di Assise di Appello di Bari la condanna a 17 anni e 4 mesi di reclusione per Tommaso e Nicola Appio, padre e figlio, a processo per l'omicidio volontario di Giovanni Sblendorio, il 34enne ucciso a Triggiano nel maggio 2015, per uno scambio di persona.

Parte civile nel processo era la moglie della vittima, difesa dall’avvocato Rubio Di Ronzo, che già un anno fa, al termine del procesos di primo grado con rito abbreviato, aveva ottenuto un risarcimento danni per lei per i due figli minorenni con una provvisionale immediatamente esecutiva di 150mila euro.

Il giorno dell'agguato, avvenuto in pieno giorno nel centro di Triggiano, la vittima si trovava in compagnia di un 44enne, vero obiettivo dei due killer per dissidi di carattere familiare. Padre e figlio furono individuati dai carabinieri grazie ai filmati di alcune telecamere cittadine: giunti a bordo di una Smart, il padre avrebbe atteso alla guida, mentre il figlio si sarebbe avvicinato per sparare, colpendo poi la persona sbagliata.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccisero 34enne per errore a Triggiano: confermata la condanna a 17 anni per padre e figlio

BariToday è in caricamento