Biopsia innovativa per scoprire i tumori al seno, 'Giovanni Paolo II' all'avanguardia: "Tecnica efficace e poco invasiva'

Un nuovo sistema per scovare il cancro è attivo da circa un mese nella struttura barese, la prima nel Mezzogiorno d'Italia a sperimentare questo tipo di diagnostica

Da circa un mese nell'Istituto Tumori 'Giovanni Paolo II' di Bari è disponibile la biopsia rm guidata, un'importante 'arma' per scoprire lesioni non visibili alla mammografia e all'ecografia. Si tratta di una tecnica altamente specialistica applicata per la prima volta in un centro del Sud Italia, eseguita dall'unità operatoria di radiodiagnostica senologica del centro barese diretta dalla dottoressa Rosalba Dentamaro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come funziona

La tecnica, con sistema 'post and pillar', riesce a scovare lesioni non frequenti neilla pratica clinica: lo specialista inserisce nella mammella uno speciale ago monouso con camera aperta e sistema aspirativo esterno. L'intervento viene eseguito in anestesia locale e sul lettino della risonanza magnetica, consentendo un campionamento totale e simultaneo delle aree dubbie o sospette. consentendo anche un approccio chirurgico più conservativo. La procedura è stata praticata un mese fa, per la prima volta, dal dottor Daniele La Forgia, sfruttando un progetto di ricerca in collaborazione con le Università di Bari e Siena: "Per poter arrivare a questo risultato - spiega la dottoressa Dentamaro - c’è stato un lavoro lungo e difficile di coordinamento tra diversi soggetti su una procedura non nota ai più, estremamente complessa e che richiede una conoscenza a 360 gradi della diagnostica senologica. Ringrazio tutti, in particolare il nostro Direttore Generale, Antonio Delvino che ci ha sempre appoggiati nei progetti di crescita, la Direzione Scientifica, gli uffici amministrativi, le ditte e, naturalmente, il dottore La Forgia che ha permesso il raggiungimento di quest’ulteriore importante obiettivo. Auspichiamo di poter rendere disponibile la tecnica nella normale pratica clinica nel lungo periodo, procedura che, dopo l’importante rinnovo tecnologico degli ultimi due anni, completa un’offerta di diagnostica senologica di primissimo livello del nostro Istituto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali Puglia 2020: i risultati delle liste, preferenze e consiglieri eletti

  • Elezioni Regionali Puglia 2020: i risultati in diretta

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Regionali Puglia 2020, i risultati: preferenze consiglieri Partito Democratico

  • Verso il nuovo Consiglio regionale, i nomi: Lopalco superstar, boom Paolicelli e Maurodinoia. A destra c'è Zullo, M5S con Laricchia

  • Regionali Puglia 2020: i risultati | Percentuali e voti dei candidati presidente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento