menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gestione cultura con "criticità", operatori scrivono al Comune. Maselli: "Mezzo milione per le attività"

Il documento sarebbe stato depositato a Palazzo di Città. La replica dell'assessore: "Dotazione molto importante di fondi. Bando aperto per due mesi"

Un documento di 26 operatori culturali in cui criticano la gestione del settore in città, definendola "spesso discutibile e tale da mettere sistematicamente in difficoltà organizzative, artistiche ed economiche le piccole e medie realtà del comparto". La lettera, che sarebbe giunta ieri negli uffici comunali, è stata siglata da musicisti, operatori teatrali, attori, registi e formatori, ed è all'attenzione, tra gli altri, del sindaco Antonio Decaro e dell'assessore alle Culture Silvio Maselli, contendo osservazioni e proposte: "Riteniamo che - spiega Elisabetta Pani, pianista, tra i firmatari del documento - le modalità di uscita dei bandi presentino tempistiche troppo ristrette, richiedendo una programmazione molto specifica e definita, rendendo così complicata la partecipazione".

"Regolamento non efficace"

Il gruppo di operatori, "in aumento" specifica Pani, esprime "dubbi" sull'efficacia del regolamento di settore approvato un anno fa e sulle modifiche attualmente in corso, "redatte tramite la consultazione di tavoli tecnici e di un Osservatorio non pienamente rappresentativi". Secondo Pani le nuove regole "permetterebbero il ritorno a una indifferenziazione dei finanziamenti, eliminando la distinzione tra annuali e triennali. Riteniamo sia giusta una differenziazione ma senza inserire requisiti troppo elevati rispetto al fatturato degli operatori. Non si può alzare troppo il limite perché taglieremmo fuori tante realtà".

La replica di Maselli: "Dotazione di fondi molto importante"

L'assessore alle Culture, Silvio Maselli, replica citando le novità degli ultimi giorni: "Con l'assestamento di bilancio - spiega - approvato a fine luglio, vi sono a disposizione circa 500mila euro per le attività culturali, di marketing e promozione turistica con cui finanzieremo importanti iniziative, a cominciare dalla prossima stagione di Prosa con il teatro Pubblico Pugliese. Si tratta di una cifra enorme come non se ne vedeva da molti anni. Il bando sarà aperto due mesi e proprio per includere tutti, abbiamo lasciato aperte fino al 15 settembre, le iscrizioni all'albo degli operatori culturali, in modo da permettere la partecipazione di quante più realtà attive. Il regolamento lo cambieremo a settembre e abbiamo avviato un confronto con i sindacati e le categorie, recependo anche il punto di vista dei partiti di minoranza in Consiglio comunale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento