menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Torna l'ora solare: domenica 25 ottobre orologi indietro di un'ora

Dormiremo un'ora in più: nella notte tra sabato 24 e domenica 25 ottobre bisognerà ricordarsi di spostare le lancette degli orologi indietro di 60 minuti

Con l'arrivo dell'ultima domenica di ottobre scatta il passaggio dall'ora legale all'ora solare. Il cambio avverrà nella notte tra sabato 24 e domenica 25 ottobre: le lancette degli orologi dovranno essere portate indietro di un'ora.

Il cambio fra ora solare e legale esiste per legge. In particolare, l'istituzione dell'ora legale è nata con l’obiettivo del risparmio energetico, fornendo un’ora di luce in più al giorno per sette mesi e posticipando l’accensione della luce artificiale. L'ora solare resterà in vigore fino alla fine di marzo: si tornerà nuovamente all'ora legale nella notte fra sabato 26 e domenica 27 marzo.

In alcuni soggetti più sensibili, il passaggio dall'ora legale all'ora solare può causare dei disturbi più o meno lievi legati all'adattamento del corpo al nuovo orario e alla minor quantità di luce che si riceve. Si tratta comunque di fastidi temporanei che generalmente scompaiono nel giro di un paio di settimane. Per aiutare l'organismo ad adattarsi più in fretta al cambiamento, restano validi i consueti consigli degli esperti: cenare almeno dieci minuti prima rispetto all'orario abituale, in modo da anticipare gradualmente gli orari e anche il momento di andare a dormire. Importante anche il ruolo dell'alimentazione: sì a pasta, riso e pane, formaggi, lattuga e latte caldo. Da evitare invece cibi eccitanti con condimenti come pepe e paprika, oppure salatini e alimenti in scatola. Stesso discorso per tè e caffè, via libera invece a infusi e tisane. E' infine utile la cura con cui si prepara l'ambiente in cui si dorme, eliminando le fonti di disturbo (computer, tablet e televisione) ed evitando di riscaldare troppo la stanza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento