Cronaca San Girolamo - Fesca / Lungomare Starita

Ordigni bellici nelle acque di San Girolamo, al via le operazioni di bonifica dei fondali

All'opera gli esperti del Comando subacquei incursori-Nucleo Sdai della Marina Militare. A far partire l'intervento la segnalazione di un cittadino, che qualche giorno fa ha ritrovato un ordigno nelle acque antistanti la Fiera del Levante

Non si tratta del primo ordigno bellico rinvenuto nelle acque di San Girolamo: poco più di un anno fa, un residuato risalente alla Seconda guerra mondiale fu rinvenuto sulla spiaggia del Lido San Francesco. Nei giorni scorsi, una nuova segnalazione: un ordigno è stato avvistato da un cittadino nelle acque antistanti la Fiera del Levante, a circa dieci metri di profondità.

Il ritrovamento ha fatto partire le operazioni di bonifica da parte del Comando subacquei incursori-Nucleo Sdai della Marina Militare. L'attività - è spiegato in una nota della Guardia costiera della Capitaneria di Porto di Bari - durerà fino alla prossima settimana. Dopo la segnalazione del cittadino "è stata interessata la prefettura" ed è stata emanata un'ordinanza "di interdizione dell'area al transito di unità navali, di pesca e di qualsiasi attività subacquea".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ordigni bellici nelle acque di San Girolamo, al via le operazioni di bonifica dei fondali

BariToday è in caricamento