Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca

Via libera in Puglia agli sport di contatto: dopo il no a livello nazionale, c'è l'ordinanza della Regione

Il governatore Emiliano ha dato l'ok a partire da domani alle attività sportive che non permettono il distanziamento, seguendo alcune linee guida per evitare i contagi

La Puglia va controcorrente sugli sport di contatto: nonostante il parere negativo dato dal Comitato tecnico scientifico a livello nazionale, il governatore Michele Emiliano ha emanato un'ordinanza che dà il via libera, di fatto, a calcetto, arti marziali e altre attività sportive in cui è previsto il contatto tra i partecipanti. L'ordinanza, che sarà operativa da domani, 25 giugno, indica le linee guida che dovranno seguire i centri sportivi.

Le linee guida

Diverse le misure anti Covid che dovranno seguire le strutture per poter svolgere sport di contatto, di cui bisognerà dare adeguata informazione agli atleti. Tra queste ci sono pianificazione degli accessi (attraverso, ad esempio, prenotazione online e suddivisione in gruppi limitati), temperatura corporea rilevata all'ingresso, pulizia obbligatoria degli ambienti e igienizzante disponibile nella struttura, oltre all'obbligo di mettere a disposizione a "a bordo campo, per giocatori e atleti, fazzoletti monouso - si legge - contenitori per lo smaltimento degli stessi, e dispenser con soluzioni idroalcoliche per l’igiene delle mani". Non mancano prescrizioni per gli atleti, che non possono condividere borracce, bicchieri e bottiglie, né scambiare con altri utenti oggetti e devono indossare obbligatoriamente la mascherina fino all'inizio dell'attività sportiva.

"In tanti aspettavano questa ordinanza: da domani, 25 giugno, in Puglia sarà consentita la ripresa degli sport di contatto - scrive Michele Emiliano sui social - Gli amanti del calcetto, del basket, della pallavolo, delle arti marziali e di tutti gli altri sport di contatto potranno riprendere a praticare le rispettive attività in base alle linee guida allegate all’ordinanza. Il provvedimento è stato possibile grazie al basso rischio nell’andamento dell’epidemia nella nostra regione, come accertato dal dipartimento Promozione della Salute e confermato dall’ultimo report del responsabile del coordinamento emergenze epidemiologiche".

Tutte le misure da seguire sono contenute nell'ordinanza in allegato all'articolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via libera in Puglia agli sport di contatto: dopo il no a livello nazionale, c'è l'ordinanza della Regione

BariToday è in caricamento