Terminati i lavori nel nuovo ospedale Covid in Fiera: "Nulla di questo investimento andrà perso dopo la pandemia"

L'opera è stata consegnata questa mattina al Policlinico durante un incontro stampa a cui ha partecipato anche la Regione Puglia. Emiliano: "Cercheremo un modo per utilizzarlo anche al termine della pandemia. Forse nessun altro ospedale rispetta i criteri di sicurezza di questo"

Centocinquantaquattro posti letto per un investimento totale di  17 milioni e mezzo di euro: i numeri ben raccontano il nuovo ospedale Covid in Fiera del Levante a Bari. Dopo 45 giorni si è concluso il cantiere tra i padiglioni che durante la Campionaria ospitano le aree dedicate all’Agricoltura e in parte alla Galleria delle Nazioni. E da inizio febbraio – se il cronoprogramma sarà rispettato – ospiteranno postazioni letto di Terapia intensiva e sub intensiva, sale operatorie, attrezzature per effettuare Tac, e zone per la vestizione del personale sanitario impiegato e per la sanificazione dei ventilatori. In mattinata la struttura è stata ufficialmente consegnata al Policlinico, durante un punto stampa che ha visto la partecipazione anche di rappresentanti dell’Università di Bari e dell’azienda che ha curato le lavorazioni, che ha consegnato una simbolica chiave della struttura al governatore Emiliano. Un’area che nelle intenzioni della Regione dovrà essere utilizzata a supporto di un’eventuale recrudiscenza dei casi Covid per un’ipotetica nuova fase del contagio. Ed è lo stesso presidente a ricordare quale sarà il futuro dell’ospedale Covid dopo la pandemia, per cui la Regione paga anche un canone di affitto di 110mila euro al mese alla Fiera.

Sullo stesso argomento

Video popolari

Terminati i lavori nel nuovo ospedale Covid in Fiera: "Nulla di questo investimento andrà perso dopo la pandemia"

BariToday è in caricamento