Ospedale Di Venere, la denuncia del M5S: "Chiuso accesso alla rianimazione dai reparti"

Il consigliere regionale Conca: "Da una settimana bisogna avventurarsi in un percorso alternativo. Situazione al limite dell'assurdo. Il continuo degrado è un'offesa a pazienti e dipendenti"

All'ospedale Di Venere è stato chiuso l'accesso dai reparti alla rianimazione con una "barriera per un cantiere non annunciato al piano rialzato nei pressi dell'edicola" a due passi dalla vecchia Neurochirurgia. A denunciare il problema è il consigliere regionale pugliese del M5S, Mario Conca, componente della III Commissione Salute: “Una situazione ai limiti dell’assurdo - spiega -. In pratica per poter accedere alla rianimazione è necessario avventurarsi in un percorso assurdo che gli stessi operatori non conoscono, passando dall'interno del pronto soccorso. Ci si chiede cosa potrebbe accadere se un paziente andasse in insufficienza respiratoria e avesse bisogno urgente di rianimazione e se sopravviverebbe ai venti minuti di giro infernale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E' davvero grave e sconcertante - prosegue Conca - lo stato di abbandono in cui versa la struttura, senza più una guida sanitaria adeguata e con una classe politica che ha evidentemente deciso di dismetterlo a vantaggio delle cliniche private circostanti. Abbiate almeno il coraggio di ammetterlo chiaramente, assistere a questo degrado costante - conclude - è un'ulteriore offesa a tutti gli operatori sanitari e ai cittadini.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stop a palestre, cinema, teatri e piscine, ristoranti chiusi alle 18: il nuovo dpcm in arrivo già in serata?

  • Covid, Emiliano chiude tutte le scuole in Puglia: da venerdì 30 ottobre stop alla didattica in presenza

  • Le mani della criminalità organizzata sul settore agroalimentare in Puglia: 48 arresti

  • Incidente mortale nella notte a Japigia: 20enne sbalzato dalla moto muore sul colpo

  • Da lunedì stop alla didattica in presenza per gli ultimi 3 anni delle superiori, Emiliano: "Rallentiamo i contagi covid"

  • "Servono misure severe ovunque in Italia": anche Emiliano segue la 'via De Luca' e non esclude il lockdown

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento