rotate-mobile
Cronaca

Di Venere, la denuncia dell'USPPI: "Reparto di Neurologia al collasso"

Personale insufficiente per fronteggiare le criticità di uno dei reparti più 'pesanti' dell'intera struttura ospedaliera. Brescia: "Personale costretto a tour de force a scapito della salute"

Carenza di personale e di posti letto: il reparto di Neurologia dell’Ospedale Di Venere di Bari vive una situazione drammatica. E' quanto denuncia in un comunicato stampa l'USSPI (Unione Sindacati Professionisti Pubblico Privato Impiego). 

Le colpe - secondo il segretario generale dell’Usppi Nicola Brescia - sono della burocrazia e dei tagli che hanno determinato la non sostituzione del personale trasferitosi in altre strutture o in altri reparti,

PERSONALE A PEZZI  - “Siamo davvero al collasso – spiega un’infermiera responsabile dell’Usppi – Neurologia è un reparto 'pesante' da sostenere perché la maggior parte dei pazienti sono bloccati nei letti a causa di patologie serie o di operazioni, tantissimi sono anziani e a volte bisogna anche dar loro da mangiare proprio perché sono immobilizzati". Un vero tour de force per il personale che proprio a causa del surplus lavorativo e degli sforzi che continuamente si fanno per sollevare i malati con tali patologie, finisce con ammalarsi o rimanere bloccato con la schiena, come è capitato proprio in questo periodo a 2 infermiere.

“Siamo costretti – continuano gli infermieri – a coinvolgere anche gli ausiliari e gli Oss e questo non sarebbe nemmeno possibile”. La disorganizzazione del reparto produce il malcontento del personale infermieristico costretto a operare sottorganico, in quanto a fronte delle 16 unità previste in pianta organica, ve ne sono soltanto 10, di cui una usufruisce della legge 104.

RICADUTE SUI PAZIENTI - La carenza di personale, come è ovvio, produce effetti negativi soprattutto sui pazienti che corrono il concreto rischio di non essere assistiti a dovere visto l'eccessivo carico di mansioni gravante sul personale interessato, (per non menzionare eventuali errori sul piano dell’assistenzache potrebbero costare ripercussioni anche dal punto di vista giuridico-deontologico).

POSTI LETTO INSUFFICIENTI - Un'altra criticità del reparto è legata anche al mancato rispetto del numero dei posti letto assegnati: sono moltissime infatti le “barelle volanti” e i pazienti provenienti da altri reparti, senza gli opportuni presidi. L’Usppi Puglia contesta, inoltre, la non regolarità dei turni di notte, dove un solo operatore infermieristico è in turno, circostanza che crea situazione di grande disagio e che espone gli operatori ad aggressioni verbali e fisiche, come avvenuto nei giorni scorsi. Per questo motivo l’Usppi, a tutela degli iscritti e dei pazienti, ha chiesto un incontro urgente col direttore generale Montanaro per cercare una soluzione idonea alle problematiche evidenziate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Venere, la denuncia dell'USPPI: "Reparto di Neurologia al collasso"

BariToday è in caricamento