Cronaca

Palagiustizia, via libera ai sopralluoghi per il trasferimento degli uffici

Dal Comune l'ok alla commissione di manutenzione che si occuperà di ispezionare i tre edifici che potrebbero ospitare gli uffici del tribunale penale, in vista della chiusura per inagibilità dell'edificio di via Nazariantz

Inizieranno entro questa settimana per concludersi in pochi giorni i sopralluoghi della commissione di manutenzione nelle tre sedi messe a disposizione dal Comune di Bari per ospitare gli uffici giudiziari penali in sostituzione dell'edificio di via Nazariantz, per il quale nei giorni scorsi è stata avviata la procedura di revoca dell'agibilità che dovrebbe portare alla chiusura entro metà luglio.

Ieri dagli uffici del dipartimento Urbanistica di Palazzo di Città è arrivato il via libera alla commissione di manutenzione. Oltre al presidente del Tribunale, Vito Savino, e al capo della Procura, Antonio Laudati, alle verifiche parteciperanno - come espressamente richiesto nei giorni scorsi - i rappresentanti del Coordinamento delle associazioni per l'edilizia, composto da Anm, Camera penale e civile e sindacati dei dipendenti amministrativi.

LE POSSIBILI SEDI - Gli edifici individuati attraverso la ricerca di mercato del Comune di Bari che potrebbero diventare la nuova sede del Palagiustizia sono tre. Il primo immobile è l'ex sede della Telecom, che si trova a Poggiofranco. La societa' proprietaria, la Fire (Financial investment real estate), ha proposto un edificio di 9mila e 900 metri quadrati. E' l'unico edificio già cablato che permetterebbe di risparmiare dei costi, ma è disponibile dal terzo piano in su. La seconda offerta riguarda villa Patrizia, ex clinica in via Cotugno: un edificio di 9mila metri quadrati di tre piani con a disposizione altri 15mila metri quadrati seminterrati di cui 4mila adibibili ad ufficio. Infine la terza proposta è quella della Iea (gruppo Rafaschieri), che ha proposto due immobili separati ma vicini: uno stabile di 6.750 metri quadrati di cui 4mila gia' con un archivio, a cui si aggiungerebbero altri 12mila metri quadri di seminterrato. Il secondo stabile invece e' situato in via Devitofrancesco: si tratta del palazzo dove aveva sede l'Edisu, che si sviluppa su 3mila metri quadrati.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palagiustizia, via libera ai sopralluoghi per il trasferimento degli uffici

BariToday è in caricamento