menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le verifiche effettuate a giugno scorso

Le verifiche effettuate a giugno scorso

Palazzina 'dei tumori' a Japigia, audizione in Regione: "Nessuna correlazione tra ambiente e casi di cancro"

Relazione in Commissione Ambiente a via Capruzzi dopo la richiesta di convocazione avanzata dal M5S. I consiglieri pentastellati: "Estendere i monitoraggi ai civici vicini"

Nessuna evidenza di "associazione prevalente" tra possibili fattori ambientali e i 26 casi di tumore, di cui 14 maligni, accertati tra gli abitanti della palazzina di viale Archimede, nel quartiere Japigia: è una delle conclusioni a cui sono giunti Arpa Puglia, Dipartimento di prevenzione della Asl Bari e Arca Puglia, proprietaria dell'edificio, a seguito di un monitoraggio congiunto avviato a dicembre 2016. I rappresentanti degli enti sono stati auditi questa mattina in Commissione Ambiente del Consiglio regionale pugliese su richiesta di Antonella Laricchia del Movimento Cinquestelle. Alla riunione ha preso parte anche un rappresentante degli inquilini. Negativi i riscontri su un'eventuale presenza di campi elettromagnetici e dopo due campagne di monitoraggio della qualità dell'aria, effettuate negli scorsi mesi con un mezzo mobile. Attualmente è in corso una terza rilevazione per far luce sul caso. L'assessore pugliese alla Pianificazione territoriale, Alfonsino Pisicchio, intervenuto in audizione, ha affermato che "si proseguirà nel lavoro di monitoraggio, fermo restando che l’esigenza prioritaria è quella della salvaguardia della salute" proponendo anche di coinvolgere nella vicenda l'assessore all'Ambiente, Filippo Caracciolo.

Palazzina tumori a Japigia, il M5S: "Analizzare composizione chimica edificio"

Laricchia, a margine delle audizioni è intervenuta sul caso: “Il compito di accertare la verità sui numerosi casi di tumore nella palazzina spetta alla magistratura - ha dichiarato -, ma nel frattempo la politica deve garantire la sicurezza e il diritto alla salute di questi cittadini. Abbiamo chiesto all’assessore Pisicchio di estendere le analisi epidemiologiche fatte per gli inquilini del civico 16 anche ai civici vicini. Nel caso di differenze rilevanti la politica non può girarsi dall’altra parte ma deve agire immediatamente e trovare per queste persone una collocazione diversa, almeno fino a quando non termineranno  le indagini della magistratura e non verranno accertate le cause che hanno determinato questa situazione”. “Arpa e Asl hanno illustrato i monitoraggi ambientali compiuti nell’intera zona - aggiunge il consigliere pentastellato Gianluigi Trevisi - da cui non emergono valori anomali. Tuttavia, riteniamo difficile attribuire al caso questa concatenazione di neoplasie all’interno di uno stesso edificio e  per questo crediamo sarebbe stato utile analizzare come prima cosa la composizione chimica dei materiali di costruzione con cui quel palazzo è stato realizzato, perché se l’unica palazzina in cui si registra un numero tanto elevato di casi è quella al civico 16 è lì che bisogna concentrarsi, prima di passare alle aree limitrofe. Cosa che, attualmente, non risulta essere stata fatta; ci auguriamo che, dopo averle sollecitate in Commissione, anche queste analisi vengano fatte il prima possibile".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento