Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Sorpreso al volante con il cellulare, 20enne si allontana poi torna e sferra un pugno al vigile: agenti della Polizia locale aggrediti a Palese

Il giovane, redarguito e invitato a fermarsi dagli operatori, dopo essersi inizialmente allontanato lanciando improperi, è poi tornato sul posto per aggredirli

Al volante parlando al cellulare, è passato davanti a una pattuglia della Polizia locale, ma non ha gradito l'intervento degli agenti, che lo hanno richiamato invitandolo a mettere via il cellulare e a fermarsi. Il giovane automobilista però, si è inizialmente allontanato, proferendo anche improperi in dialetto all'indirizzo dei due vigili. Poco dopo però è tornato sul posto, scagliandosi contro gli agenti.

E' accaduto questa mattina intorno alle 11 in via Duca D'Aosta, a Palese, dove una pattuglia della Polizia locale era impegnata ad eseguire alcuni provvedimenti prefettizi di confisca di veicoli. Il giovane automobilista, un 20enne, non ha gradito l'avviso orale degli agenti, che lo avevano richiamato chiedendogli di fermarsi, e pochi minuti dopo essersi allontanato, avendo probabilmente realizzato che la multa sarebbe stata comunque inevitabile, è tornato sul posto. Lasciando il veicolo al centro della strada si è avvicinato agli agenti, sferrando un pugno alla tempia sinistra di uno dei due operatori. Sul posto sono quindi intervenute altre pattuglie della Locale presenti in zona, che  con gli stessi agenti operanti hanno provveduto ad arrestare il giovane, già fermato e trattenuto in loco dall’agente ferito e dalla collega. 

Il 20enne è stato arrestato per i reati di violenza, minacce e resistenza a pubblici ufficiali. Risponderà anche per le lesioni personali lievi (3 giorni ciascuno) causate ai due agenti. La sanzione per l'infrazione comessa alla guida è stata comunque elevata. L'uomo è stato sottoposto ai domiciliari in attesa del giudizio direttissimo da svolgersi mercoledì prossimo. Denunciata all’A.G. in concorso per gli stessi reati anche la madre del giovane, che nel frattempo era sopraggiunta in loco ad aggredire anche  verbalmente gli stessi agenti ancora presenti sul posto. 

"E’ avvilente la considerazione - commenta il comandante Michele Palumbo - che per contestare semplici condotte punibili con sanzioni amministrative (sanzione per guida con cellulare) si determinino azioni violente che giungano a porre in pericolo l’incolumità fisica dei pubblici ufficiali, il tutto  per impedirne la libertà d’azione ed il compimento del proprio atto d’ufficio".

(foto di repertorio)
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sorpreso al volante con il cellulare, 20enne si allontana poi torna e sferra un pugno al vigile: agenti della Polizia locale aggrediti a Palese

BariToday è in caricamento