Cronaca Carbonara / Via Vittorio Veneto

Resti neolitici a Palese, ultimo ricorso contro le ruspe: "Silenzio colpevole di tanti"

L'associazione Ecomuseo Urbano del Nordbarese ha depositato le proprie osservazioni dopo la richiesta di archiviazione inoltrata dalla Procura di Lecce a seguito di un esposto contro la Sovrintendenza Archeologica regionale. Lombardi: "Danni irreparabili"

"Su questa vicenda c'è un silenzio colpevole di tanti. Abbiamo presentato le nostre osservazioni proprio per continuare a fare luce sulla vicenda". L'ultimo piccolo spiraglio per preservare i resti del villaggio neolitico di Palese, è rappresentato da un ulteriore ricorso, presentato dall'associazione Ecomuseo Urbano del Nordbarese, depositato al tribunale di Lecce, da dove, il 26 novembre, è stata comunicata la richiesta di archiviazione delle indagini dopo l'esposto contro il rilascio del nulla osta rilasciato a febbraio scorso dalla Sovrintendenza Archeologica regionale per la costruzione di un complesso di villini proprio sull'area 'Titolo', lungo via Vittorio Veneto, dove sorgeva un villaggio risalente a 8mila anni fa, ampio almeno, secondo alcune stime, circa 1 ettaro.

Dopo il no della procura salentina, titolare delle indagini, vi erano 10 giorni di tempo per presentare osservazioni e ulteriori documenti contro l'archiviazione, depositati nelle scorse ore dall'associazione barese: "Abbiamo ribadito alcuni elementi fondamentali dell'esposto - racconta il presidente dell'Ecomuseo Urbano del Nordbarese, l'architetto Eugenio Lombardi - e vogliamo mettere in discussione la politica generale di queste iniziative, ovvero portare via tutto e cancellare quello che non interessa. Non comprendiamo come siano stati possibili gli accertamenti da parte della Polizia Giudiziaria su possibili danni causati dalle ruspe, visto che il terreno vegetale è intatto. Avevamo chiesto l'applicazione di un vincolo diretto ma non c'è stato modo di ottenere un dialogo con le Istituzioni preposte, nonostante sia previsto anche dall'articolo 118 del Titolo V della Costituzione".

I resti della necropoli, dunque, rischiano di finire per sempre sotto il cemento: "Ci chiediamo, tra l'altro - continua Lombardi - dove siano finiti i reperti recuperati. Ci sono territori che hanno bisogno di recuperare la loro identità storica e culturale, ma questa, spesso, viene cancellata dalle Sovrintendenze: Diversi autorevoli pareri, espressi da archeologi indipendenti, hanno parlato, per Palese, di una situazione unica al mondo, da valorizzare. Qui invece sono stati commessi danni ormai irreparabili".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Resti neolitici a Palese, ultimo ricorso contro le ruspe: "Silenzio colpevole di tanti"

BariToday è in caricamento