Cronaca

Pane e Pomodoro, protestano i bagnanti: "Basta ritardi per la condotta Matteotti"

Il Comitato che riunisce frequentatori e amanti della spiaggia dei baresi ha esposto cartelli per invitare il Comune a risolvere la questione burocratica che bloccherebbe l'assegnazione dei lavori

Non solo cartelli, ma anche una petizione e una provocazione, quella del Comitato di Pane e Pomodoro: "Al prossimo sversamento di liquami, ci caleremo in mare per protesta". Ad affermarlo è il presidente del gruppo che riunisce bagnanti e visitatori abituali della spiaggia barese, da tanti, troppi anni sotto la spada di Damocle della condotta fognaria Matteotti che tracima ad ogni acquazzone.

Il Comitato, riunitosi questa mattina in protesta proprio nell'area adiacente alla spiaggia, chiede che vengano espletate al più presto le operazioni di aggiudicazione della gara che porterà alla costruzione del prolungamento della fogna, consentendo ai liquami di uscire al largo: "Vogliamo - spiega Ottavio Degregorio, presidente del Comitato - che si risolva la questione di natura burocratica che impedisce l'assegnazione della gara. Ci sarebbero state, a quanto abbiamo sentito, delle offerte anomale e ciò potrebbe aver ritardato il tutto".

L'appalto venne assegnato a ottobre 2013 e fino ad ora i lavori non sono mai cominciati. Intanto i disagi restano: "Domenica - afferma Degregorio - avvieremo la raccolta firme. Domani invece, parleremo con il sindaco Decaro" atteso domani in spiaggia per inaugurare la nuova illluminazione "e in quell'occasione gli spiegheremo la nostra posizione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pane e Pomodoro, protestano i bagnanti: "Basta ritardi per la condotta Matteotti"

BariToday è in caricamento