menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parco dell'Alta Murgia, sequestrata cava abusiva: una denuncia

Operazione del Corpo Forestale ad Altamura: la cava, priva di qualsiasi autorizzazione, è stata scoperta anche grazie a rilievi fotografici e videografici effettuati con un drone

Una cava abusiva nel parco dell'Alta Murgia, in una zona protetta da vincoli ambientali, è stata scoperta e posta sotto sequestro dagli uomini del Corpo Forestale dello Stato ad Altamura, in località Pescariello.

Nel corso di un controllo, i Forestali hanno riscontrato che in un terreno adibito a pascolo, situato in zona 2 del Parco Nazionale dell’Alta Murgia e protetta da vincoli ambientali di carattere Europeo, erano in atto "lavori di coltivazione di cava di calcare per inerti", in assenza sia delle necessarie autorizzazioni regionali che di quelle necessarie ad operare all'interno del Parco nazionale dell'Alta Murgia, con grave danno all’ambiente.

Fondamentali per gli accertamenti sono stati anche i i rilievi fotografici e videografici effettuati attraverso un drone. L’intera area, di oltre 420mila metri quadrati, è stata sottoposta a sequestro penale.

Il rappresentante legale della ditta esecutrice dei lavori è stato segnalato alla Magistratura per le violazioni alla normativa ambientale a tutela delle aree protette e di quella paesistico-ambientale relativa a vincoli paesaggistici e naturalistici.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento