Sito di stoccaggio per materiale da scavo senza autorizzazioni: sequestrati 11 ettari di terreno nel parco dell'Alta Murgia

Operazione dei Carabinieri Forestali in località Ceraso, alla periferia della città. Le aree agricole poste sotto sigilli erano adibite a seminature. Denunciate tre persone

I Carabinieri Forestali hanno sequestrato 11 ettari di terreno all'interno del Parco Nazionale dell'Alta Murgia utilizzata come sito di stoccaggio di rocce da scavo in una zona vincolata e senza le autorizzazioni prevista dalla legge. Tre persone sono state denunciate. L'area posta sotto sigilli si trova in località Ceraso, alla periferia della città, dove sono stati rinvenuti cumuli di terra stoccati su alcuni terreni condotti a seminativi. Il materiale, secondo i militari, sarebbe stato trasportato lì da un cantiere di grandi dimensioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia 'promossa' da domenica? Dati Covid in miglioramento, si va verso la zona gialla

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • Scontro tra auto e bici sulla Statale 16 a Torre a Mare: muore ciclista 31enne

  • L'indice Rt scende sotto l'1 in Puglia e Lopalco risponde ai medici: "Non siamo regione da zona rossa"

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Investe ciclista sulla ss16 e fugge, arrestata pirata della strada: positiva all'alcol test

Torna su
BariToday è in caricamento