Cronaca Libertà

Parco Don Bosco: Cipriani chiede spiegazioni a Lacarra

Dopo i ritardi nella bonifica e nella cantierizzazione dell'area del quartiere Libertà che dovrebbe diventare parco, il presidente del Gruppo Indipendente Libertà chiama in causa l'assessore Lacarra

Continua il braccio di ferro fra Luigi Cipriani, Segretario del Gruppo Indipendente Libertà e l'amministrazione comunale: nella fattispecie, Cipriani protesta contro Marco Lacarra, assessore ai Lavori Pubblici. Il segretario del gruppo in questione, infatti, vuole vederci chiaro nella vicenda relativa all'area, attualmente in disuso e non ancora cantierizzata, che dovrebbe diventare Parco De Bernardis - Don Bosco. Il numero uno del Gruppo Indipendente Libertà, denuncia quella che secondo lui è una 'promessa farsa' fatta da Lacarra a giugno. L'assessore ai Lavori Pubblici all'epoca, sollecitato per il mancato inizio dei lavori per attrezzare l'area in questione, rilasciò un'intervista nella quale si affrettò a dichiarare che "si rendeva necessario prima individuare una ditta che si occupasse della rimozione delle erbacce e della demolizione del muro perimetrale affinchè all'inizio di settembre si potesse avviare la cantierizzazione dell'area". Ebbene, Cipriani puntualizza: in primis, esisterebbe, secondo il segretario, una determina dirigenziale datata 25 maggio che affida ufficialmente i lavori per la 'sistemazione a verde attrezzato' alla ditta Modugno costruzioni. In secondo luogo, il Segretario del GIL denuncia ancora oggi la totale assenza di cantieri nel sito da adibire a parco. A questo punto, Cipriani chiede se ci sono ulteriori cause che ostacolano il nuovo ritardo nell'avvio dei lavori e si dice pronto a organizzare una seduta di protesta durante una seduta del Consiglio Comunale al fine di spingere per le dimissioni di Lacarra qualora i lavori non fossero avviati entro la fine di settembre. La palla, ora, passa nelle mani dell'assessore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco Don Bosco: Cipriani chiede spiegazioni a Lacarra

BariToday è in caricamento