menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fontana rotta, cestini distrutti e alberi morti, i giardini Isabella D'Aragona "abbandonati e fuori controllo"

A denunciare, attraverso Facebook, la situazione dell'area verde a due passi dalla città vecchia è l'associazione Parco del Castello, attraverso un post su Facebook

"Il giardino Isabella d'Aragona è ridotto in queste condizioni a soli tre anni dalla sua inaugurazione": a denunciare, attraverso Facebook, la situazione dell'area verde a due passi dalla città vecchia è l'associazione Parco del Castello, attraverso un post su Facebook, pubblicando foto di cestini distrutti e panchine vandalizzate.

"Danni e difetti segnalati - spiegano - all'Amministrazione Comunale da tempo, quando si poteva contestare la garanzia alla ditta responsabile; parliamo della pavimentazione del marciapiede lato lungomare che oggi presenta la rottura di buona parte delle chianche (forse troppo sottili o messe male). E poi c'è l'abbandono, la mancanza di manutenzione, l'assenza totale di una gestione del verde; parliamo dei cestini rifiuti in buona parte rotti per la difficoltà nell'apertura/chiusura (chi li ha scelti?), dei nuovi lecci morti, tagliati e non sostituiti, delle bordure delle aiole mancanti in vari tratti, delle panchine imbrattate di vernice, delle griglie di raccolta acqua piovana oramai ostruite completamente perchè mai pulite".

"E poi - rimarcano -,  dulcis in fundo, la fontana al centro del giardino che da Natale 2019 è transennata e abbandonata in attesa di ripristino. L'assenza assoluta di telecamere di controllo ha permesso vari atti di teppismo come quelli nei confronti della fontana, delle panchine, dei cestini utilizzati per amplificare i botti natalizi, degli alberi oggetti di gioco per i denti dei cani. La presenza della Questura non è sufficiente per tenere lontano i teppisti, servono telecamere di controllo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lolita Lobosco, Bari in tv è bellissima ma sui social piovono critiche:"Quell'accento una forzatura, noi non parliamo così"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento