Sequestrate al porto 24 tonnellate di pellet: "Certificazioni mancanti"

Il materiale proveniva dall'Albania. Sull'etichetta c'era scritto 'Prodotto in Italia', ma mancava la documentazione di qualità e di conformità alle direttive europee

L'etichetta riportava la scritta "Made in Italy" e la bandiera italiana, ma non erano presenti le certificazioni di qualità e conformità alle direttive europee. Sono stati così sequestrati al porto di Bari 24 tonnellate di pellet provenienti dall'Albania: la merce era confezionata in 1610 sacchetti da 15 chilogrammi l'uno. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ad eseguire il sequestro i funzionari dell’Ufficio delle Dogane di Bari e militari della Guardia di Finanza: segnalato alle autorità il rappresentante legale della ditta importatrice.

.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro al ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Riaprono le regioni, da domani via libera agli spostamenti: obbligo di segnalazione per chi arriva in Puglia

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

  • Il sindaco Antonio Decaro ospite da Mara Venier a Domenica In: "A Bari solo 56 contagiati. Pugliesi bravissimi nella fase 1"

  • L'estate non decolla su Bari e provincia: in arrivo forti raffiche di vento, nuova allerta meteo

Torna su
BariToday è in caricamento