rotate-mobile
Cronaca

Persone scomparse, nelle scuole baresi l'opuscolo di 'Penelope'

Presentata in Comune l'iniziativa dell'associazione nazionale che coinvolgerà gli istituti: in arrivo 5mila opuscoli. In Puglia, da gennaio a ottobre, 190 casi accertati, di cui 139 irrisolti

Un opuscolo informativo per capire cosa fare in caso di scomparsa di un proprio caro: è stato presentato questa mattina, nella sala Consiliare del Comune di Bari, il progetto di Penelope Puglia, ramo regionale dell'associazione nazionale che si occupa di sostenere le famiglie che non hanno più notizie di un loro congiunto. Il depliant, realizzato grazie ai fondi del 5x1000 raccolti quest'anno, verrà stampato in 5 mila copie e distribuito nelle scuole superiori pugliesi, a partire da quelle della provincia di Bari. All'interno, consigli su come ci si deve comportare per aiutare le indagini.

Nella nostra regione, nel 2013, sono stati registrati 71 casi di persone scomparse, di cui 55 ritrovate, mentre, nei primi 9 mesi del 2014, il numero è cresciuto esponenzialmente a 190, 139 dei quali non ancora risolti. Il presidente nazionale di Penelope Italia, Antonio Maria La Scala ha spiegato che sono due gli obiettivi primari dell'associazione: "Far parlare del fenomeno degli scomparsi che troppo spesso è ignorato e sottovalutato nella sua gravità e, ancora più importante, far si che tutti i casi di scomparsa vengano equiparati, abolendo la distinzione tra allontanamenti volontari e involontari. E questo lo chiederemo direttamente al Presidente della Repubblica nel corso di un incontro il prossimo 17 ottobre al Quirinale".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Persone scomparse, nelle scuole baresi l'opuscolo di 'Penelope'

BariToday è in caricamento