Cronaca

Pesca di frodo a Monopoli, sub fermato con quattro chili di datteri

A sorprenderlo gli uomini del Corpo forestale dello Stato. Sequestrati anche gli attrezzi utilizzati per rompere la scogliera: un grosso martello a punta di clarino e una pinza a becco

Gli uomini del Corpo forestale dello Stato lo hanno sorpreso con il suo prezioso, quanto illecito, "bottino": quattro chili di datteri di mare, pescati distruggendo il fondale roccioso della costa di Monopoli.

Il sub, già in precedenza denunciato per reati simili, è stato inoltre trovato in possesso degli arnesi utilizzati per la pesca di frodo: un grosso martello a punta di clarino, utilizzato per rompere la scogliera marina, e pinza a becco per estrarre i datteri di mare dalla roccia.

I Datteri di Mare (Lithophaga litophaga), spiega il Corpo Forerstale, sono dei molluschi bivalvi che richiamano, nella forma e colore, quella del dattero. La loro crescita è estremamente lenta. Per raggiungere una lunghezza di 5 cm, sono necessari all’incirca 35-40 anni. I mitili vivono all’interno della roccia calcarea marina. La loro pesca è vietata proprio perchè per recuperare i molluschi lo scoglio in cui sono cresciuti deve essere frantumato, provocando danni incalcolabili all'ecosistema marino.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pesca di frodo a Monopoli, sub fermato con quattro chili di datteri

BariToday è in caricamento