Domenica, 20 Giugno 2021
Cronaca

A pesca di tonno nonostante i divieti: multa da duemila euro per un diportista

L'uomo è stato sorpreso dalla Guardia Costiera: a bordo della sua imbarcazione, nascondeva un esemplare di 50 chili, probabilmente destinato alla vendita. La pesca sportiva del tonno è già vietata da agosto, per esaurimento delle quote destinate a questo settore

A bordo della sua imbarcazione da diporto, nascondeva un esemplare di tonno rosso del peso di circa 50 chili, pescato illegalmente e con ogni probabilità destinato alla vendita.

Sorpreso dalla Guardia costiera, è finito nei guai un pescatore sportivo. La pesca ricreativa del tonno rosso, infatti, è vietata già dal 1° agosto scorso dal Decreto Direttoriale con cui il Ministero delle politiche, alimentari e forestali  ha dichiarato esaurita la quota annuale riservata a questo settore della pesca, consentendo al pescatore sportivo la sola tecnica del “catch and release” (cattura e immediato rilascio in mare dell’esemplare). Inoltre, il prodotto della pesca sportiva non può essere soggetto vendita e comunque, quando la pesca è consentita, ogni esemplare catturato di tonno rosso deve essere dichiarato e comunicato alla Guardia Costiera.

I militari intervenuti hanno sequestrato l'esemplare, mentre per l'uomo è scattata una sanzione di 2mila euro. Al pescatore sportivo sono state anche sottratte e sottoposte a sequestro anche le 5 costose canne a mulinello di cui era dotata la stessa barca . 

L’esemplare di tonno è stato quindi devoluto in beneficenza a seguito del parere favorevole del veterinario della ASL di Bari, intervenuto sul posto, che ne ha accertato l’idoneità al consumo umano.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A pesca di tonno nonostante i divieti: multa da duemila euro per un diportista

BariToday è in caricamento