menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pesce senza etichetta, sequestrate 30 tonnellate: multe e denunce

Il bilancio dell'operazione 'Labyrinth' condotta nel barese dalla Guardia Costiera per accertare la tracciabilità dei prodotti ittici: 178mila euro di sanzioni elevate, 31 le persone denunciate

Trenta tonnellate di prodotti ittici sequestrati, per un valore nella vendita al dettaglio di oltre 146mila euro; 136 illeciti rilevati e 31 persone denunciate a piede libero, con multe per complessivi 178mila euro. E' il bilancio dell'operazione 'Labyrinth' portata a termine tra dicembre e gennaio dalla Guardia costiera di Bari.

I controlli hanno riguardato soprattutto le piattaforme logistiche di distribuzione e delle merci d’importazione per via marittima, con l'obiettivo prevenire “alla fonte” l’immissione nel circuito commerciale di alimenti non sicuri e privi dei requisiti di tracciabilità stabiliti per legge.

Il caso più eclatante ha riguardato un esercizio commerciale del nord barese, dove a seguito di controllo sono state rinvenute circa tre tonnellate di Polpo congelato , di misura inferiore a quella minima prevista per la commercializzazione. Il prodotto è stato immediatamente posto sotto sequestro ed il titolare dell’esercizio commerciale è stato denunciato alla Procura della Repubblica.

Particolare attenzione è stata riservata anche ai grossi stabilimenti di movimentazione di merci e ai mercati ittici, dove sono emerse numerose infrazioni in merito alla tracciabilità ed alla rintracciabilità dei prodotti della pesca: molte le violazioni della nuova normativa europea sulle etichettature, che impone ai commercianti di dimostrare in maniera accurata la provenienza dei prodotti nonché la loro corretta classificazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento