menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Parte del pesce sequestrato

Parte del pesce sequestrato

Pesce senza etichette e in cattivo stato di conservazione: scattano i sequestri in negozi e depositi

Controlli della Guardia costiera in vista delle festività natalizie per contrastare le frodi alimentari

752 controlli finora messi in atto in tutta la regione, con oltre due tonnellate e mezza sequestrate. E' un primo bilancio dell'operazione 'Dirty Market' che in questi giorni vede impegnata la Guardia Costiera, e che si concluderà a fine anno. Obiettivo dei controlli, in un periodo di consumo intenso come quello natalizio, è quello di contrastare rischi di carattere igienico-sanitario e frodi alimentari in danno dei consumatori.

In gran parte, ad essere sequestrata è stata merce di dubbia provenienza privo di etichettatura, tracciabilità ed informazioni obbligatorie, spesso in cattivo stato di conservazione, a volte già sfilettato e ridotto in tranci in modo da non consentire l’individuazione della tipologia e specie. 

In particolare, presso un grossista alimentare di prodotti etnici di Casamassima sono stato sequestrati 220 chili di prodotto ittico vario congelato, con denominazioni commerciali e scientifiche non incluse nell’elenco delle specie ittiche di interesse commerciale (tra cui pesce essiccato privo di tracciabilità).

In una pescheria di Rutigliano sono stati rinvenuti tre vasconi pieni di acqua con all’interno 290 chili di molluschi bivalvi (ostriche, cozze, vongole, fasolari) destinati alla commercializzazione e posti sotto sequestro per violazioni delle norme igienico-sanitarie.

A Santo Spirito è stato posto sotto sequestro un deposito abusivo per lo stoccaggio e la lavorazione di prodotto ittico, in precarie condizioni igienico-sanitarie, con celle frigo ossidate, e con all’interno 200 kg. di prodotto vario in cattivo stato di conservazione.

Nella mattinata di oggi, infine, è stato posto sotto sequestro un quantitativo di 850 kg. di prodotto ittico privo di tracciabilità in località S. Giorgio, presso un grossista che funge anche da centro di spedizione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento