Pesce senza tracciabilità, controlli e sanzioni nel Nord Barese: sequestrati oltre 170 chili di prodotti ittici

Gli accertamenti effettuati dalla Guardia costiera tra Molfetta e Terlizzi: multe da 1500 euro per una pescheria e un trasportatore. Parte del pesce sequestrato, dichiarato idoneo al consumo, è stato donato in beneficenza

Multe da 1500 euro per due soggetti e oltre 171 chili di prodotti ittici sequestrati.  Il personale della Capitaneria di porto – Guardia costiera di Molfetta, nell'ambito di un'operazione disposta a livello regionale, ha effettuato controlli in materia di pesca nei Comuni di Terlizzi e Molfetta, per verificare il rispetto della normativa nazionale e comunitaria dei prodotti ittici.

Nel Comune di Terlizzi, presso una pescheria, è stata accertata la presenza di prodotti ittici privi della documentazione attestante la data di cattura, la zona e gli attrezzi utilizzati per la pesca, ed altre informazioni utili ai fini di tracciarne la provenienza, comportamento che ha determinato la comminazione di una sanzione amministrativa da 1.500 euro e il sequestro di kg 31,6 tra triglie, pagelli e cicale. Parte del prodotto oggetto di sequestro, dichiarato idoneo al consumo umano da parte del medico veterinario – Ispettore degli Alimenti di origine animale del servizio SIAV B dell’ASL di Bari-, è stato devoluto in beneficenza ad enti caritatevoli operanti sul territorio, mentre quello non idoneo, è stato distrutto mediante conferimento al servizio di raccolta rifiuti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I militari operanti hanno poi, rilevato, nel corso di un controllo ad un trasportatore di prodotti ittici nel Comune di Molfetta, un ingente quantitativo, ammontante a circa 140 kg di triglie, sprovvisto di alcuna documentazione idonea a ricostruire l’evidenza della sua provenienza, dal momento in cui è stato pescato sino alla somministrazione al cliente finale. Anche in tale circostanza, è stata elevata al trasgressore una sanzione amministrativa di € 1.500, mentre il prodotto è stato sottoposto a sequestro amministrativo e, successivamente, interamente devoluto in beneficenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile schianto in via Napoli, muore operaio 35enne: lascia moglie e due bambini

  • Covid, Emiliano chiude tutte le scuole in Puglia: da venerdì 30 ottobre stop alla didattica in presenza

  • Stop a palestre, cinema, teatri e piscine, ristoranti chiusi alle 18: il nuovo dpcm in arrivo già in serata?

  • Positivo al Covid, ma era al lavoro nel negozio della moglie: attività chiusa, 56enne denunciato

  • Le mani della criminalità organizzata sul settore agroalimentare in Puglia: 48 arresti

  • Paura nel centro di Bari: donna accoltellata per strada e trasportata in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento