Cronaca

Petizione lo smantellamento dei tralicci al quartiere Cecilia di Modugno

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Recentemente il Movimento Politico modugnese PugliAmo - Voglia di Cambiamento rappresentato in consiglio comunale dai consiglieri di opposizione Saverio Fragassi e Antonello Maurelli ha promosso tra l'altro una petizione popolare per eliminare i tralicci di RFI SpA che attraversano il Quartiere Cecilia.
Per questo l'Associazione G. La Pira come associazione di cittadini del Quartiere Cecilia, non può non essere contenta. Finalmente i politici cominciano a prendere conoscenza di una questione che si trascina da oltre nove anni, e che spesso è stata snobbata da sedicenti conoscitori delle problematiche del nostro territorio. Ricordiamo per dovere di cronaca, che sin dai primi giorni di insediamento del Consiglio Comunale di Modugno, era il 2 settembre 2013, l'Associazione G. La Pira inviò una lettera aperta al nuovo sindaco, assessori e consiglieri comunali, nella quale lettera si evidenziavano gli annosi problemi del quartiere Cecilia. Nella parte finale della lettera c'era un invito rivolto in modo particolare ai consiglieri comunali che giova ripetere:
Infine a tutti i Consiglieri comunali l'Associazione G. La Pira in nome dei residenti del quartiere Cecilia, chiede di rispondere moralmente del mandato ricevuto a rappresentarli nella gestione della cosa pubblica, dimostrando di non voler considerare il quartiere Cecilia come serbatoio elettorale, bensì un territorio in cui vivono persone di pari dignità e diritti rispetto a tutti gli altri cittadini di Modugno, così come vuole la nostra Costituzione Italiana.
Sino ad oggi, nessun consigliere comunale aveva preso in considerazione quell'invito.
Per questo ripetiamo, apprezziamo appieno e senza riserve le motivazioni della petizione proposta dai consiglieri Fragassi e Maurelli, che, per la parte riguardante la risoluzione dell'elettrodotto in cavidotto, sembrerebbe un copia incolla delle richieste presentate più volte dall'Associazione G. La Pira alle Amministrazioni comunali di Modugno sino ad oggi succedutesi, e per ultimo in ordine di tempo il 10 dicembre u.s. e riportata da alcune testate giornalistiche locali.
Perciò l'Associazione G. La Pira chiede ai consiglieri comunali Fragassi e Maurelli, esercitando l'iniziativa che a loro tocca in seno al Consiglio Comunale di Modugno, uno sforzo in più attraverso gesti concreti e significativi riformulando specifica mozione di interramento dell'elettrodotto a 150KV.
Infine l'Associazione G. La Pira pubblicamente ribadisce ancora una volta la propria posizione in merito alla risoluzione dell'elettrodotto: l'interramento della linea ad Alta Tensione nel tratto interferente il quartiere Cecilia deve avere luogo indipendentemente dal progetto del Prolungamento della ferrovia metropolitana.

Il Presidente Matteo Lupelli
Modugno, 22/02/2014

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Petizione lo smantellamento dei tralicci al quartiere Cecilia di Modugno

BariToday è in caricamento