rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca Modugno

Licenziamenti Auchan, sciopero e sit-in Modugno. Camusso telefona ai lavoratori

Mattinata di protesta davanti all'ipermercato, organizzata dalle sigle sindacali. Centro commerciale aperto con impiegati e direttori alle casse. Neglia (Cgil): "I diritti di lavoratori e lavoratrici non si toccano"

"Adesione praticamente totale" dei lavoratori dell'ipermercato Auchan di Modugno allo sciopero nazionale indetto da Cgil, Cisl e Uil contro il piano di mobilità per 1426 lavoratori previsto dall'azienda. Per quanto riguarda il punto vendita alle porte di Bari, a rischio sono 58 lavoratori su 192. Più in generale, in Puglia, sono previsti tagli per 134 unità, riguardanti gli addetti alle vendite. La partecipazione allo sciopero e al presidio di oggi, secondo le sigle sindacali, ha raggiunto oltre il 90% degli aventi diritto. Il sit in durerà fino alle 13. Nonostante le proteste, i punti vendita sono rimasti aperti, con impiegati e direttori a sostituire i lavoratori alle casse. A Casamassima, invece, dove non sono previsti licenziamenti, la protesta ha raggiunto numeri nettamente inferiori.

Manifestazione all'Auchan di Modugno: le foto

"I diritti dei lavoratori e delle lavoratrici Auchan non si toccano - ha dichiarato Barbara Neglia, segretario generale Cgil-Filcams Bari - Lo sciopero odierno dimostra come il tessuto commerciale ed industriale del nostro territorio sia importante per tutti. Auchan stia attenta perché anche noi siamo capaci di minacciare così come ha fatto oggi il direttore dell'ipermercato con un gesto, battendo le mani e con un dito un rimando a dopo".

A dar forza ai lavoratori, la telefonata, inaspettata, del segretario generale Cgil, Susanna Camusso, invitandoli a non rassegnarsi: " "Non bisogna rinunciare a na lotta giusta per la difesa dei posti di lavoro e bisogna che questa vertenza sia una grande vertenza nazionale. Lo diciamo al Governo e lo diciamo anche a tutte le amministrazioni locali perché questo accade per non aver voluto fare una politica seria del commercio, della distribuzione.

"E' incomprensibile e inaccettabile la politica di Auchan di recuperare tutte le perdite scaricandole sul costo dei lavoratori - afferma invece Giuseppe Boccuzzi, segretario Cisl Fisascat Puglia -. E' una strategia che non avrà alcun risultato e potrebbe determinare l caduta definitiva dell'investimento al Sud. Gli strumenti ci sono, come ad esempio i contratti di solidarietà, applicati con successo per l'ipermercato di Casamassima, dove, a tal proposito, non sono previsti licenziamenti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Licenziamenti Auchan, sciopero e sit-in Modugno. Camusso telefona ai lavoratori

BariToday è in caricamento