"Paga se rivuoi la bici", poi rapina la vittima: preso 24enne

L'uomo è stato individuato dalla polizia locale dopo la richiesta di intervento di un universitario, che di passaggio in piazza Umberto aveva riconosciuto uno dei responsabili del furto subito

Prima il furto della bici, poi la richiesta di 'riscatto' e la rapina. E ancora, le minacce per costringere la vittima a prelevare denaro dal bancomat da consegnare ai malviventi. Un 24enne è stato arrestato ieri dalla polizia locale in piazza Umberto.

Gli agenti sono intervenuti dopo la segnalazione di un universitario straniero 28enne, che ha avvicinato i vigili in piazza Umberto, mostrando loro la denuncia di rapina subita due giorni prima ed indicando di aver riconosciuto uno degli autori della stessa. 

Il furto della bici, la rapina e i prelievi al bancomat

L’uomo ha raccontato agli agenti di aver subito il 13 ottobre scorso il furto della bicicletta. Qualche ora dopo era stato avvicinato da due uomini che gli avevano chiesto denaro in cambio della restituzione della stessa e che, al suo rifiuto, lo avrebbero aggredito sottraendogli la borsa con all’interno la somma di 820 euro che lo stesso aveva con sé per pagare le spese universitarie. Lo studente ha riferito ancora che gli aggressori, non paghi di quanto ottenuto, lo avrebbero obbligato a prelevamenti forzosi da alcuni sportelli bancomat (fatti risultati già regolarmente denunciati all'A.G.).

L'arresto in piazza Umberto 

A questo punto gli agenti hanno raggiunto il soggetto indicato, che risultava sprovvisto di documento di riconoscimento. Dopo una tentata fuga, l'uomo è stato fermato in prossimità della stazione centrale, anche con la collaborazione di un collega della Polizia di Stato fuori dal servizio, e condotto presso il Comando di Polizia Locale per gli accertamenti del caso. Il 28enne è risultato soggiornare irregolarmente in Italia con a carico un Decreto di espulsione del 2017 dalla Questura di Roma, gravato da numerosi precedenti penali ed è stato quindi denunciato per concorso in rapina, lesioni aggravate, estorsione, per l’inosservanza della normativa sull’immigrazione e tradotto presso la casa Circondariale di Bari a disposizione della stessa A.G..
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il van di Borghese sbarca a Bari: lo chef premia il miglior ristorante di crudo di mare

  • "Qui il crudo di mare è una vera favola", Alessandro Borghese e la sfida di '4 Ristoranti' a Bari: il migliore? E' a Santo Spirito

  • Arriva il freddo russo, temperature in picchiata anche in Puglia: rischio neve a quote basse

  • Ultimo giorno di zona gialla, da domani la Puglia torna in arancione: cambiano regole e divieti

  • Nuovo Dpcm in arrivo: ecco regole e restrizioni, cosa cambia dal 16 gennaio. Puglia verso l'arancione

  • Scuola in Puglia, c'è l'ordinanza di Emiliano: superiori in Ddi per un'altra settimana, per elementari e medie resta la scelta alle famiglie

Torna su
BariToday è in caricamento