Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca Murat / Piazza Umberto I

Piazza Umberto, lo 'spettacolo' non cambia tra rifiuti e sporcizia

L'area verde nuovamente invasa da cartacce e immondizia. Due aiuole che ospitavano alcuni alberelli, poi caduti per il vento, sono state chiuse col cemento. Il Comitato della Piazza attende risposte

Sporcizia in Piazza Umberto

La sporcizia viene ripulita a fatica dagli operatori ecologici, mentre i progetti di riqualificazione della piazza, tardano a essere attuati. Piazza Umberto non è molto diversa da qualche mese fa, quando venne lanciato l'allarme sicurezza e la conseguente ordinanza 'anti-sguardi' emessa dal sindaco.

Da allora, poco è cambiato e, pochi giorni fa, si era presentato un nuovo problema relativo alla pulizia del verde. Le aiuole erano piene di cartacce e rifiuti: "Fortunatamente - racconta Lorenzo Scarcelli, fondatore del Comitato di Piazza Umberto - sono venuti a ripulire. La situazione però è sempre la stessa".

Nelle vicinanze del chiosco inoltre, si nota una piccola fuoriuscita della fogna. Nei giorni scorsi, poi, sono stati estirpati due alberelli caduti a causa del forte vento e, nella piccola aiuola dove erano collocati, è stato posto del cemento: "Questo a noi non è piaciuto - afferma Scarcelli - poiché vorremmo una piazza sempre più verde e fruibile". Anche sul fronte sicurezza non è stato fatto molto: "L'ordinanza - sottolinea ha sortito pochi effetti. Sì, non si vedono alcuni personaggi, ma non ci sono stati grandi cambiamenti".

Il Comitato però non si arrende, continuando la propria battaglia lontano dalla politica e annunciando nuove iniziative per quando le elezioni saranno già passate, aspettando però i fondi del Comune, circa 1,5 milioni di euro, posti qualche mese fa a bilancio 2014, ai quali vanno aggiunto altri 150mila euro per altri interventi: "Stiamo attendendo risposte - conclude Scarcelli - siamo ottimisti". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piazza Umberto, lo 'spettacolo' non cambia tra rifiuti e sporcizia

BariToday è in caricamento