Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca San Girolamo - Fesca / Via Van Westerhout

Pineta San Francesco in preda al degrado: "Sempre più terra di nessuno"

Degrado, illuminazione assente e recinzioni divelte: la denuncia dell'associazione Sos Città. "L'amministrazione comunale deve intervenire, chiediamo più controlli e il riprisino del servizio di guardiania"

La recinzione mancante

L'ultimo episodio poco più di un mese fa, con il furto dell'"Albero della Legalità" piantato dall'associazione antimafie 'Rita Atria' per ricordare Paolo Borsellino. Ma nella pineta San Francesco atti vandalici ed episodi di degrado si registrano da tempo, puntualmente denunciati da residenti e frequentatori del 'polmone verde' tra i quartieri Marconi e San Girolamo, preoccupati per il crescente stato di abbandono della zona.

A lanciare un nuovo allarme è l'associazione Sos Città, dopo le numerose segnalazioni ricevute dai cittadini. Mancanza di manutenzione del verde e di illuminazione serale le lamentele più frequenti, a cui si aggiunge il problema della recinzione abbattuta dal lato di via Van Westerhout, che consente così a chiunque di accedere alla pineta anche negli orari in cui dovrebbe essere chiusa.

"La mancanza dell'illuminazione pubblica da oltre tre mesi, nelle ore serali, rende la pineta un luogo ideale per tossicodipendenti, alcolisti, barboni e quant'altro", spiega il presidente dell'associazione, Danilo Cancellaro. "Chiediamo, finché non venga ripristinata la pubblica illuminazione, la chiusura anticipata della Pineta per motivi di sicurezza e per tutelare quei cittadini che fanno sport proprio durante quelle ore, oltre che il più rapido ripristino della recinzione. Chiediamo, data la situazione precaria in cui oggi si trova la pineta, anche un maggiore controllo da parte della Polizia Municipale, o, ancora meglio, il ripristino di un servizio di guardania che possa in qualche modo salvaguardare la pineta". "L'amministrazione - sottolinea Cancellaro - ha il dovere di intervenire rapidamente anche per spezzare quel filo conduttore che, ad oggi, sembra ricollegarla con la precedente amministrazione che nulla ha fatto per la nostra bella Pineta San Francesco".

E sulle responsabilità dell'amministrazione insiste anche Dino Tartarino, ex presidente dell'VIII Circoscrizione, e oggi vicepresidente dell'associazione Sos Città. "Non possiamo non registrare - afferma Tartarino - un dato di fatto, una constatazione oggettiva, vale a dire la scarsa attenzione per questo importantissimo parco che raccoglie e abbraccia quartieri importanti e già disagiati che non meritano di avere l'unica vera zona a verde, in queste gravi condizioni di degrado". "In passato - ricorda il vicepresidente di Sos Città - sono state fatte promesse di riqualificazione, sono state fatte dichiarazioni del tipo "abbiamo stanziato i fondi necessari" ecc... Tutte dichiarazioni di facciata che non hanno mai avuto seguito e penso non sia giusto sia nei confronti dei cittadini sia nei confronti della stessa Pineta che in passato è stata scenario di grandi momenti di aggregazione sociale e culturale. Manca sicurezza e vigilanza...basti pensare al Climb Wall che io stesso, assieme all'ex Assessore Sannicandro, ho inaugurato due anni e mezzo fa e che oggi è completamente inutilizzabile".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pineta San Francesco in preda al degrado: "Sempre più terra di nessuno"

BariToday è in caricamento