Abbonamenti abusivi alla tv a pagamento, blitz in Italia e in Europa: scattano gli arresti, centrale anche a Bari

I palinsesti venivano proposti alla cifra irrisoria di 12 euro e consentivano di vedere, illegalmente, i principali canali tv di sport, cinema e serie tv

C'era anche una centrale operativa a Bari tra quelle individuate in Italia dalla Guardia di Finanza che ha smantellato, in un'operazione svoltasi in vari Paesi europei, la piattaforma Xtream Codes, un vero e proprio 'hub' per la trasmissione di flussi audiovisivi, eventi sportivi e non solo in maniera abusiva, utilizzando illegalmente le immagini delle emittenti televisive a pagamento. Otto gli Ordini europei di indagine emessi dalla Procura di Napoli tramite Eurojust, eseguiti in numerosi Paesi europei, tra cui Germania, Francia, Olanda, Bulgaria e Grecia.

Le basi individuate in Italia erano localizzate in Puglia, Campania, Sicilia, Calabria, Veneto e Lombardia. Oscurati anche 700mila contatti utente, 80 siti internet e 183 server. I clienti pagavano 12 per vedere sport, film e gran parte dei principali canali in circolazione, nazionali e internazionali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è il 'paziente 1' in Puglia: era tornato dalla Lombardia, ora è in isolamento in ospedale

  • Due baresi morti nel terribile incidente di Mottola: le vittime sono tre, altrettanti i feriti di cui uno in gravi condizioni

  • Panico da Coronavirus, l'ordine degli psicologi in Puglia lancia l'allarme: "State lontani dai social, veicolano solo terrore"

  • Cinque casi sovrapponibili al coronavirus in Puglia, scatta il censimento per chi arriva dalle regioni del contagio

  • Scontri tra tifosi baresi e leccesi in autostrada a Cerignola: veicoli in fiamme

  • A Santa Caterina apre il nuovo Parco Commerciale: dal 28 febbraio l'inaugurazione dei primi maxi store

Torna su
BariToday è in caricamento