Cronaca

"Pochi finanziamenti per la scuola", gli studenti appendono striscioni di protesta negli istituti

Tra gli istituti coinvolti ci sono il Fermi, il Giulio Cesare, il Romanazzi, il Majorana e il Salvemini. Al centro delle proteste anche il servizio di trasporto pubblico

"Autobus strapieni e mezzi inefficienti. Mo avast!". In mattinata diversi striscioni con messaggi di protesta sono apparsi in alcuni degli istituti di Bari e provincia. Tra le strutture coinvolte ci sono il Fermi, il Giulio Cesare, il Romanazzi, il Majorana e il Salvemini, dove i ragazzi dell'Unione degli studenti hanno voluto lanciare un messaggio di protesta per gli scarsi finanziamenti dedicati al settore scolastico. Al centro delle critiche non solo il costo dei libri e le condizioni degli istituti nel Barese, ma anche il sistema di trasporto pubblico, a loro dire ormai inadeguato ai bisogni degli studenti.

“A seguito di una capillare mappatura - ha spiegato il coordinatore di Uds Bari Davide Lavermicocca - delle problematiche relative ad edilizia scolastica e rete di trasporto pubblico, in tutte le scuole della città, il quadro che ne è emerso fa paura. Circa una scuola cinque necessita di interventi di manutenzione urgente, il 70% degli Istituti scolastici hanno problemi più o meno gravi relativi alla struttura. Inoltre gli autobus sono quasi sempre sovraffolati, molte linee arrivano costantemente in ritardo e non permettono agli studenti di arrivare in orario a scuola o tornare in tempi celeri a casa”. 

Gli studenti ora chiedono un piano di investimenti adeguato per l'edilizia scolastica, per il miglioramento del servizio di trasporto pubblico e per estendere il servizio di comodato d’uso gratuito dei libri di testo. Tutti temi che affronteranno con il sindaco di Bari Antonio Decaro, l’assessore alle Politiche educative Paola Romano e il consigliere metropolitano delegato all’Edilizia scolastica Vito Lacoppola il prossimo 17 febbraio, quando si terrà la seconda seduta del tavolo tecnico permanente in materia di diritto allo studio. Nelle scorse settimane, comunque, la Città metropolitana aveva già annunciato un piano di interventi per risolvere le emergenze in alcuni degli istituti baresi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Pochi finanziamenti per la scuola", gli studenti appendono striscioni di protesta negli istituti

BariToday è in caricamento