"Non aumentateci le tasse", protesta degli studenti di Link al Politecnico

Sit-in, questa mattina, negli uffici e colloquio col rettore Di Sciascio: "Abbiamo ottenuto - afferma il sindacato - il rinvio della discussione sul tema nel CdA accademico"

Protesta, questa mattina, nella Sala Consiliare del Politecnico di Bari, dove i ragazzi del collettivo Link hanno effettuato un sit-in per chiedere di rivedere il nuovo regolamento sulla tassazione degli studenti. Circa 100 giovani hanno occupato, "in maniera simbolica" uno spazio, ottenendo un colloquio con il rettore Di Sciascio in quale ha garantito, afferma Link, "la sua disponibilità nell'interagire con gli studenti per elaborare una nuova proposta che sia più condivisa e che rispetti le necessità e i bisogni di tutti noi". Le nuove normative, spiega il sindacato studentesco, da un lato vede "alcuni avanzamenti positivi come l’introduzione di una 'no tax area' per gli studenti che presentano un Isee fino a 13mila euro", dall'altro "lascia parecchie zone d’ombre su cui il Politecnico di Bari ha proposto un innalzamento della tassazione generalizzata per gli studenti e le studentesse" ritenuto "inaccettabile".

I ragazzi hanno ottenuto il rinvio della discussione della proposta sulla questione tasse, e chiedono "un regolamento che tenga conto delle esigenze e disponibilità di ogni studente e studentessa, a prescindere dalla corsa ai crediti che viene imposta" attuando un criterio di tassazione ragionato, tenendo conto della riforma ISEE degli ultimi anni che ha stravolto i redditi dichiarati rispetto alle condizioni reali delle famiglie" con all  "base la tutela del Diritto allo studio, attraverso la collaborazione della comunità studentesca, contrastando l'aumento delle tasse".

Link, inoltre, ha chiesto, infine, "un tavolo di discussione cittadino, con la presenza dei due Rettori baresi, il Sindaco e noi rappresentanti, per giungere ad una conclusione che possa vedere gli studenti parte centrale delle università e di questa città. Vogliamo poter rendere Bari una città universitaria, che fornisca i servizi adeguati e necessari alla vivibilità del contesto cittadino, tutelando in primis ogni diritto che noi studenti abbiamo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Uccide fidanzato della ex, accoltella la ragazza e il padre della vittima. arrestato 26enne a Bitetto

  • Pestato brutalmente per strada, morto dopo due giorni di agonia in ospedale. arrestato pregiudicato al San Paolo

  • Chiude dopo più di 20 anni il Disney Store di via Sparano a Bari: a rischio 13 lavoratori, proclamato sciopero

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

  • Positiva al covid rompe la quarantena ed esce a fare la spesa: denunciata una donna nel Barese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento