menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terapie più efficaci nella lotta ai tumori: progetto 'Inside', Politecnico protagonista

Anche l'ateneo barese nel team di ricerca per rendere più performante l'adroterapia, ovvero l'irradiazione mirata, sulle cellule tumorali, di fasci di particelle emesse da un acceleratore

C' è anche il Politecnico di Bari nel gruppo di università e centri studi sull'innovativa ricerca per rendere più efficace l'adroterapia, il sistema di cura contro i tumori non operabili e resistenti alla radioterapia tradizionale. Il progetto 'Inside', coordinato dall'Università di Pisa con l'ateneo pugliese e quelli di Torino e Roma, l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e, per la fase sperimentale, il Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica di Pavia dove si è svolto il test sul paziente. 

L'innovativo sistema permette di fotografare cosa avviene nel paziente durante il trattamento adroterapico, ovvero l'irradiazione, sulle cellule tumorali, di fasci di particelle cariche (protoni o ioni) emessi da un acceleratore, permettendo di minimizzare i danni ai tessuti sani circostanti. 'Inside' consente proprio di verificare, tramite un sistema di imaging bi-modale attraverso uno scanner Pet e un tracciatore di particelle, la profondità di penetrazione nel tessuto dei 'raggi'. Il progetto è stato coordinato da Maria Giuseppina Bisogni, dell'Università di Pisa. Le unità di ricerca sono state coordinate da Piergiorgio Cerello, dell’Infn e Università di Torino, Vincenzo Patera, dell’Università "La Sapienza" di Roma, Francesco Corsi del Politecnico di Bari, Giuseppe Battistoni, dell’Infn di Milano, e Sandro Rossi per il Cnao.

“Il Politecnico di Bari – dice Francesco Corsi, ordinario di Elettronica – ha contribuito nel progetto, allo sviluppo dell’elettronica di front-end (interfaccia) per i rivelatori di fotoni gamma”. Il docente, coordinatore del gruppo di ricerca del Poliba al progetto, si è avvalso della collaborazione del professor Cristoforo Marzocca, e dei ricercatori Gianvito Matarrese e Fabio Ciciriello.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento