menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Politecnico, dottoranda premiata per la sua ricerca sull''Internet delle cose'

Jessica Rosati, 26 anni è stata premiata con l'IBM PhD fellowship Award, borsa di studio consegnata alla proposta di ricerca ritenuta più promettente da esperti scientifici internazionali

Il ruolo di internet nella vita di tutti i giorni acquista un peso sempre maggiore. Computer, smartphone, tablet, fanno di noi una popolazione sempre connessa. Ma come cambieranno le cose quando ad essere connessi alla rete saranno anche gli oggetti di uso comune?

A questa domanda provano a rispondere gli studiosi dell'Internet delle cose (Internet of things in inglese, abbreviato in IoT ndr), ovverosia, una possibile evoluzione dell'uso della Rete, in cui gli oggetti si rendono riconoscibili e acquisiscono intelligenza grazie al fatto di poter comunicare dati su se stessi e accedere ad informazioni aggregate da parte di altri.

Alcuni esempi possono essere sveglie che suonano prima in caso di traffico, piante che comunicano all'innaffiatoio quando necessitano acqua, scarpe da ginnastica che trasmettono tempi, velocità e distanza per gareggiare in tempo reale con persone dall'altra parte del globo, o vasetti delle medicine che avvisano i familiari se qualcuno dimentica di prendere una pillola.

Anche il Politecnico di Bari, conscio delle opportunità che offrirà il settore dell'Internet delle cose, ha inserito nella sua offerta didattica l’insegnamento “Internet of Things”.

Ed è proprio in questo settore, l’ICT, che si registra un importante riconoscimento: la studentessa del dottorato di ricerca in “Ingegneria Elettrica e dell’Informazione” del Poliba, Jessica Rosati, 26 anni, è stata premiata con l'IBM PhD fellowship Award, premio annuale di IBM consegnato alla proposta di ricerca ritenuta più promettente da un panel di esperti scientifici internazionali.

Grazie al premio ricevuto, la dott.ssa Rosati riceverà una borsa di studio di 20 mila dollari e la possibilità di frequentare per sei mesi i laboratori IBM di Zurigo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento