Lunedì, 2 Agosto 2021
Cronaca

Informazioni e consigli per evitare le truffe, parte la campagna della polizia rivolta agli anziani

Testimonial della campagna di sensibilizzazione nazionale l'attore Lino Banfi. Obiettivo dell'iniziativa informare anziani e persone sole per evitare che restino vittime di raggiri

Anziani e persone sole sono spesso bersaglio facile, soprattutto nei mesi estivi, di truffatori e malintenzionati. Per questo la Polizia di Stato, in collaborazione con Confartigianato, ha organizzato una campagna di sensibilizzazione che mira a fornire utili suggerimenti per aiutare gli anziani a difendersi, evitando di cadere nelle trappole tese da persone senza scrupoli.

La campagna, presentata a libello nazionale venerdì 27 giugno, nel corso della trasmissione televisiva di Rai 1 “Uno Mattina”, ha prodotto quattro cortometraggi, nei quali “nonno Libero” illustra situazioni- tipo di truffe e raggiri ai danni di pensionati e meno giovani. "Le parole giuste sono 3: chiama la Polizia!". Questo è il primo e più importante consiglio rivolto a chi si trovi in questi od in simili frangenti.

Il primo dei quattro video, intitolato “L’amico del figlio”, è  disponibile sul canale You Tube Polizia di Stato, sul sito web Polizia di Stato, sul blog “Agente Lisa” e sulle pagine Facebook delle Questure di Roma, Milano, Aosta e Forlì, che hanno già operativo il servizio.
 
In questo contesto, la Questura di Bari ha rinnovato la sua collaborazione con le associazioni di volontariato che difendono ed assistono anziani e pensionati. Proseguendo nel solco già tracciato con la presentazione, lo scorso ottobre, del Vademecum Antitruffa “Stop a truffe e raggiri agli anziani” , realizzato nel contesto del progetto della Regione Puglia “Puglia Capitale Sociale” e frutto della collaborazione tra la Polizia di Stato, l’ADA- Associazione per i Diritti degli Anziani di Bari, l’Associazione sindacale UIL Pensionati di Bari e Puglia e le principali istituzioni cittadine, la Questura vuole ricorda alla cittadinanza alcune utili indicazioni:
-      NON APRITE AGLI SCONOSCIUTI, NON FATE ENTRARE IN CASA CHI SI SPACCIA PER CONOSCENTE O LONTANO PARENTE. CONTROLLATE DALLO SPIONCINO. SE NON L’AVETE CHIEDETE SEMPRE CHI E’
-      DIFFIDATE DAI FALSI IMPIEGATI O INCARICATI DI SOCIETA’ O ENTI: LE VISITE DEI VERI TECNICI SONO SEMPRE PRECEDUTE DA AVVISI
-      ATTENZIONE AI FALSI AMICI DI FIGLI NIPOTI E PARENTI: MAI CONSEGNARE DENARO A SCONOSCIUTI O ACCONSENTIRE A RECARSI IN BANCA O A PRELEVARE SOMME DAL BANCOMAT
-      MAI FIRMARE DOCUMENTI SENZA PRIMA AVER LETTO CON ATTENZIONE IL CONTENUTO: NEL DUBBIO, CHIEDETE L’AIUTO DI FIGLI, PARENTI, VICINI DI CASA    
-      EVITATE STRADE SOLITARIE, SE VI SENTITE OSSERVATI FERMATE QUALCHE PASSANTE O ENTRATE IN ESERCIZI COMMERCIALI
-      ATTENZIONE ALLE TRUFFE INFORMATICHE ED A MAIL SOSPETTE, SOPRATTUTTO SE CHI SCRIVE CHIEDE DATI PERSONALI, NUMERI DI CONTO CORRENTE, CODICI DI IDENTIFICAZIONE
 
Soprattutto, mai vergognarsi di chiedere aiuto. Nel dubbio, chiamare sempre il 113.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Informazioni e consigli per evitare le truffe, parte la campagna della polizia rivolta agli anziani

BariToday è in caricamento