Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

Polizia municipale, sindacati sul piede di guerra: "Tante problematiche denunciate, ma da mesi nessuna risposta"

Le sigle sindacali proclamano lo stato di agitazione, annunciando un presidio permanente davanti al Comune a partire al giorno 5: "A quattro mesi dall'incontro con il sindaco, ancora nessuna soluzione"

Reclamano più attenzione dall'amministrazione comunale e chiedono soluzioni per problematiche denunciate ormai da mesi. Gli agenti della Polizia municipale di Bari sono pronti a scendere nuovamente in piazza. 

I sindacati Cgil Fp, Cisl Fp, Uil Fpl e Csa hanno infatti proclamato lo stato di agitazione, annunciando, a partire dal prossimo 5 ottobre, l'istituzione di un presidio di protesta permanente davanti al teatro Piccinni.

"Lo scorso 30 maggio - ricordano i sindacati in una nota - il Sindaco Decaro, che mantiene la delega alla Polizia Municipale, ha incontrato i rappresentanti sindacali di CGIL, CISL, UIL e CSA, oltre ad una numerosa delegazione di lavoratori della Polizia Locale di Bari, scongiurando un’azione di protesta all’interno del Consiglio, con l’impegno di trovare una soluzione e intervenendo personalmente sulle problematiche evidenziate". "Ad oggi - rilevano - nessun atto concreto è stato posto in essere dal Dirigente, nulla è stato fatto né si intravede all’orizzonte il benché minimo intento finalizzato ad un miglioramento significativo dell’organizzazione del Corpo, anzi tutt’altro. L’unica cosa che si sta verificando è solo una evidente caduta libera del livello qualitativo dei servizi erogati".

Per i sindacati, quella della Polizia Municipale è una Ripartizione "ormai carente di serie politiche organizzative, gestionali e di razionalizzazione, che sta poggiando la sua azione esclusivamente sulle campagne mediatiche che vanno dalla lotta ai “portoghesi” alla sicurezza stradale. Campagne di civiltà che sosteniamo, se effettuate con criterio e con spirito educativo ma che per molti aspetti stanno assumendo ormai risvolti vessatori nei confronti della cittadinanza". "Tutto ciò - denunciano - si ritorce direttamente e negativamente sui lavoratori, creando condizioni del tutto precarie ed in netto contrasto con le normative in tema di benessere organizzativo, prevenzione e sicurezza sul lavoro, sino ad intaccare la sfera degli interessi sociali personali e privati". "Chiediamo pertanto quanto prima un confronto teso ad affrontare e a risolvere le problematiche che stanno investendo il personale della Polizia Municipale e che riguardano il buon funzionamento della Ripartizione, in nome del grande senso di responsabilità per cui abbiamo deciso di scendere nuovamente in campo".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizia municipale, sindacati sul piede di guerra: "Tante problematiche denunciate, ma da mesi nessuna risposta"

BariToday è in caricamento