Elisoccorso, al 'Miulli' di Acquaviva un centro d'eccellenza per addestrare gli operatori

Concluso il percorso didattico per formare e affinare il personale del settore: le 'lezioni' si sono svolte nel Polo Universitario del nosocomio a due passi dalla cittadina barese

Si è conclusa ieri, dopo quattro giorni intensi, la fase di formazione nel centro di Personale Medico e Infermieristico per Elisoccorso, nel Polo Universitario dell'Ospedale 'Miulli' di Acquaviva delle Fonti, in provincia di Bari.Al corso hanno partecipati gli rquipaggi di volo dell’84° Centro S.A.R. dell’Aeronautica Militare, di base a Gioia del Colle, della Sezione Aerea della Guardia di Finanza e del IX Nucleo Elicotteri della Polizia di Stato, entrambi di base sull’aeroporto di Bari.

Gi 'studenti' hanno affinato le loro abilità di carattere aeronautico come ad esempio navigazione, impiego dei sistemi cartografici e satellitari nonché tecniche di comunicazione terra/bordo/terra, ma anche di tipo sanitario, come il trattamento in volo di casi clinici di emergenza sanitaria, come ad esempio il trattamento elettrico delle patologie cardiache (Defibrillazione, Cardioversione e Pacing). La struttura didattica, unita in Italia a possedere tutte le certificazioni previste, è stata visitata ieri dal governatore pugliese, Michele Emiliano, che ha premiato Dino Losacco, presidente dell'associazione Heliaime, tra le più importanti in Italia nella formazione del personale di salvataggio ed elisoccorso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il van di Borghese sbarca a Bari: lo chef premia il miglior ristorante di crudo di mare

  • "Qui il crudo di mare è una vera favola", Alessandro Borghese e la sfida di '4 Ristoranti' a Bari: il migliore? E' a Santo Spirito

  • Arriva il freddo russo, temperature in picchiata anche in Puglia: rischio neve a quote basse

  • Nuovo Dpcm in arrivo: ecco regole e restrizioni, cosa cambia dal 16 gennaio. Puglia verso l'arancione

  • Un'altra stretta con il nuovo decreto anti Covid: Puglia verso la zona arancione?

  • Coronavirus, a Bari oltre 3mila casi accertati: l'area San Girolamo-Fesca-Stanic-San Paolo è la più colpita

Torna su
BariToday è in caricamento