Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca Japigia / Viale Imperatore Traiano

Cavalcavia viale Traiano, il Comune chiama Rfi per la messa in sicurezza. Decaro: "Presto si potrà riaprire"

Rete Ferrovie italiane: "Nei prossimi giorni lavoreremo per consolidare il lato orizzontale del ponte". Antonio Decaro: "Eseguiti questi lavori possiamo riaprire la struttura". Micaela Paparella: "Ci hanno garantito tempi di esecuzione brevi"

"Rete Ferrovie italiane è pronta a fare la sua parte e nei prossimi giorni  interverrà per mettere in sicurezza la parte di cavalcavia che corre sopra i binari". La chiusura del ponte pedonale di viale Imperatore Traiano operata dal Comune di Bari ha prodotto una immeditata risposta di Rfi. Dall’ufficio stampa della società controllata dal Gruppo delle Ferrovie dello Stato, fanno sapere che l’amministrazione comunale ha chiesto ad Rfi d’intervenire sul pezzo longitudinale del ponte dato che, al momento, il Comune non ha le risorse sufficienti per garantire l’intera riqualificazione.  Una proposta a cui Rfi ha risposto sì “anche per garantire la sicurezza del traffico ferroviario e dei nostri utenti”.

La mobilitazione di residenti e commercianti sta crescendo anche perché dopo le 24, con la chiusura del sottopasso Marconi, è interdetta per sei ore ogni possibilità di collegamento pedonale tra i quartieri Japigia e Madonnella.

Sul caso è intervenuto anche il consigliere delegato alla Mobilità, Antonio Decaro, che sta cercando di accorciare quanto più possibile i tempi utili a ripristinare il passaggio pedonale del ponte: “Con l’intervento di Rfi sulla parte orizzontale del ponte, tecnicamente l’estradosso, non ci sono più problemi e quindi possiamo aprire il cavalcavia dato che sotto le due rampe fu eseguito sia il puntellamento che il rafforzamento provvisorio della struttura”. Rassicurazioni giungono anche dal presidente della circoscrizione Madonnella, Micaela Paparella: “Stamattina abbiamo parlato con l’assessore ai Lavori Pubblici, Marco Lacarra, il quale ci ha garantito che i lavori partiranno da subito, si svolgeranno di notte e che fra una settimana il cavalcavia sarà riaperto”.

Ieri il capogruppo dell’opposizione in via Vaccaro, Irma Melini, aveva proposto di destinare l’annualità 2013 (circa 90mila euro) alla messa in sicurezza del ponte. In realtà da alcuni calcoli dei tecnici comunali risulta che la ristrutturazione del cavalcavia costerebbe 300mila euro mentre l’intera riqualificazione quasi un milione e mezzo di euro. Cifre che, a detta di Lacarra, il Comune non può sostenere.  Anche se 90mila euro della circoscrizione potrebbero essere accantonati in attesa che Palazzo di Città individui sponsor o altre risorse da investire sulla sicurezza di un ponte da troppo tempo abbandonato a se stesso.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cavalcavia viale Traiano, il Comune chiama Rfi per la messa in sicurezza. Decaro: "Presto si potrà riaprire"

BariToday è in caricamento